Hamilton e Vettel protestano con la FIA, uno in mutande l’altro tempestato di diamanti!

Proteste quantomeno singolari quelle di Sebastian Vettel e Luis Hamilton contro la decisione della FIA che sarà messa in atto già da domenica

Proteste Vettel hamilton
Incidente Formula 1 (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SU INSTAGRAM ->

https://instagram.com/sportnews.eu_?igshid=YmMyMTA2M2Y=

La FIA nell’ultimo periodo a cominciato a valutare con maggiore attenzione i criteri di abbigliamento che i sportivi nelle monoposto devono seguire, questo per motivi di sicurezza e per limitare al minimo le difficoltà dei soccorsi in caso di incidente, la decisione che è arrivata tuttavia non è piaciuta ai piloti, due su tutti, Vettel ed Hamilton hanno portato avanti proteste alquanto singolari che sono balzate in un batter d’occhio su tutti i giornali.

Mutande sopra la tuta e tempesta di gioielli, così hanno protestato Vettel ed Hamilton

Proteste Vettel hamilton
Proteste Vettel ed Hamilton (Foto Instagram)

La decisione della FIA in merito al vestiario come avrete già capito è stata quella di imporre alcuni tipi di abbigliamento per i piloti, nello specifico di portare intimo ignifugo e nessun tipo di accessorio, orecchini, piercing, collane ed altro sono assolutamente banditi, verranno effettuati controlli a campione e la responsabilità del far valere le regole sarà delle scuderie.

Potrebbe interessarti anche >>> Formula 1, GP Miami: spettacolo nelle FP1, riecco la Mercedes

A molti la decisione è parsa esagerata, alcuni di loro molto scaramantici non vorrebbero rinunciare ai loro cimeli, tuttavia non vi sarà appello, anche dopo le proteste la FIA non ha fatto passi indietro, la sicurezza prima di tutto e queste regole saranno attive già dal prossimo Gran Premio.

Potrebbe interessarti anche >>> Archiviata l’era Abramovich, il Chelsea ufficializza la cessione

Nulla da fare quindi, i portafortuna potranno essere accarezzati e baciati prima della gara ma poi dovranno inevitabilmente finire nell’armadietto, le proteste serviranno a poco, anche se ci sono sicuramente ancora tanti aspetti da regolamentare meglio e questi non sono di priorità, almeno per i piloti, al momento uno dei passi da fare sarà questo, sarà addio alla Cabala a partire da Miami.