Moustapha Cissè, da rifugiato all’esordio in serie A

Diciotto anni e il secondo più giovane giocatore ad andare in rete in serie A, lo scorso anno il ragazzo non faceva nemmeno il calciatore

Moustapha Cissè
Moustapha Cissè (Ansa)

La storia di Moustapha Cissè ha dell’incredibile, il giovane talento dell’Atalanta che ha portato a casa i 3 punti per la Dea contro il Bologna fino allo scorso anno non era nemmeno mai stato su un vero campo da calcio, oggi il suo futuro sembra destinato a ben altro ma la sua storia è di quelle degne si essere raccontate in un film.

Moustapha Cissè da rifugiato di guerra all’esordio in serie A con goal

Moustapha Cissè
Moustapha Cissè (Ansa)

Il ragazzo arriva in Italia lo scorso anno dalla Guinea, un rifugiato come molti suoi coetanei in cerca di una prospettiva migliore e lontana dalle barbarie del suo paese natale, è nella comunità “Rinascita Refugee” in Puglia che inconsapevolmente getta le basi per il suo futuro, la comunità ha una squadra di dilettanti alla quale tuttavia Moustapha non può unirsi a causa del regolamento che non prevede la possibilità per gli extra comunitari di partecipare a partite ufficiali, lui giocherà lo stesso ma soltanto nelle partite non ufficiali e sono proprio quelle partite che lo hanno messo in risalto e portato al compimento di un sogno.

Potrebbe interessarti anche >>> Atalanta al bivio su Zapata, la prossima estate sarà decisiva

Nel torneo di calcetto al Paradise di Carmiano il ragazzo stupisce tutti, la voce comincia a girare e qualcuno telefona alla persona giusta, l’avvocato Roberto Nitto che va a vedere il ragazzo con i suoi occhi e ne rimane stupito, il caso vuole che l’avvocato sia un grande amico di Roberto Mazza, capo osservatore dell’Atalanta e personaggio chiave nell’intricata vicenda che ha portato il ragazzo in serie A.

Potrebbe interessarti anche >>>La Lazio progetta grandi cambiamenti che coinvolgeranno anche la dirigenza

Comincia proprio grazie a Roberto Mazza il cammino del Guineano a Bergamo nelle giovanili della Dea, poi ciò che è successo nell’Atalanta è storia comune, molte assenze e Gasperini che decide anche lui di dare un’opportunità al ragazzo, è cosi che Cissè farà il suo esordio contro il Bologna e in soli 17 minuti segnerà il goal vittoria che è valso tre punti importantissimi alla squadra. Moustapha Cissè è la conferma che i sogni a volte si avverano, anche prendendo strade traverse e piene di ostacoli magari, ma alla fine se dio vuole tutto può succedere.