“È antisportivo” Ducati, Dall’Igna lancia l’allarme: caos totale in MotoGP

Ducati nel panico, divieto di utilizzo del dispositivo che ha contribuito alla vittoria nell’ultimo mondiale, tutto da rifare?

Ritorno Lorenzo Ducati
Jorge Lorenzo Ducati (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Grossi cambiamenti in vista del motomondiale 2023, purtroppo questa volta il regolamento colpisce duro la casa di Borgo Panigale. La decisione è arrivata su richiesta degli altri team in gara, parliamo di Yamaha, Honda, KTM e Aprilia, tutti schierati contro l’utilizzo del dispositivo innovativo a bordo delle desmosedici che non potrà quindi piu essere utilizzato nel prossimo MotoGP, brutto colpo per le rosse.

Gigi Dall’Igna furioso, divieto di utilizzo dell’holeshot, tutto da rifare nel 2023

Gigi Dall'Igna rivali copiano Ducati
Gigi Dall’Igna (Foto Instagram)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Scossone in Moto Gp, furia Marc Marquez: fans senza parole

È stata una delle innovazioni profonde di Ducati e parliamo del dispositivo che permetteva di regolare l’altezza del telaio, un metodo considerato antisportivo dalle altre squadre ed anche dalla FIM che alla fine ne ha vietato l’utilizzo a partire dal prossimo anno.

Una decisione “Sbagliata ed antisportiva”, per usare le parole dell’ingegnere Gigi Dall’Igna, che si è mostrato davvero contrariato per la decisione che minerebbe l’evoluzione Ducati senza reali motivi, “Non mi sembra giusto cambiare i regolamenti in corso per limitare nuove idee che chiunque può avere. Hanno lavorato per vietare una nostra idea ma stiamo già lavorando su altre!“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Moto Gp, orari tv di Valencia: Pecco Bagnaia verso la storia

Non tutto è perduto quindi e magari già per il 2023 la Ducati avrà un altro asso nella manica da sfoderare in pista, staremo a vedere, quel che è certo pero è che la decisione ha infiammato il paddock e per il prossimo mondiale le scintille saranno sicuramente ancora più accese, adesso ci sarà solo da attendere il primo semaforo verde per capire davvero se la Ducati sarà ancora la favorita nella prossima edizione.