La cadenza di corsa: come migliorare la prestazione del runner

La cadenza di corsa: come migliorare la prestazione del runner. Vediamo come fare per cercare di ottenere maggiori risultati.

Tapis Roulant
Tapis Roulant (Pixabay)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Come riferisce ‘technogym.com’, vediamo come si può migliorare la cadenza della corsa per aumentare la prestazione del runner. Per farlo ci sono dei test da effettuare con i tapis roulant, utile per eseguire degli esercizi specifici che aiuteranno per questo scopo. L’aumento graduale della velocità e della pendenza sono ottimi rimedi per cominciare a testare la cadenza del soggetto in questione.

La cadenza, secondo il sito, è il numero dei passi al minuto che compiamo con la corsa. Di fatto, si contano i passi al minuto e come questo può migliorare a seconda della costanza e della velocità. Una cadenza maggiore sembra maggiormente performante e aiuta l’arto ad essere meno stressato a livello di tendini e articolazione. Per cercare di aumentare la velocità e la performance, serviranno circa 6-8 settimane di lavoro costante e impegnativo.

LEGGI ANCHE >>> Gambe e glutei, gli esercizi utili per allenarli al meglio

La cadenza di corsa: come migliorare la prestazione del runner

Tapis Roulant
Tapis Roulant (Pixabay)

Per cercare di monitorare i progressi, si dovrebbe variare la velocità di 1 km/h ogni 4 minuti con conseguente monitoraggio della frequenza cardiaca. La cadenza di ogni allenamento dovrebbe essere registrata e monitorata per cercare di capire dove e come migliorare negli allenamenti successivi.

Cercare di allenarci sul tapis roulant può essere molto utile per diversi motivi: intanto per il terreno adatto alla pratica stessa, inoltre ci servirà per avere in tempo reale i dati che ci servono, visto che all’aperto monitorare attentamente passo dopo passo i valori è particolarmente difficile.

In sostanza, dovremmo cercare di pianificare le diverse velocità allenamento dopo allenamento, monitorare i primi risultati e cercare di migliorarli nel tempo. Tempo, frequenza e soglie aerobica e anaerobica sono fondamentali per capire i nostri progressi. Un’altra esercitazione, sempre riferita dal sito, potrebbe essere quella di eseguire un allenamento a passo costante per 10 minuti con intervalli di cadenza di 1′ ciascuno.