La Roma cambia modulo, Mourinho fa le prove in casa contro l’HJK

Josè Mourinho ha fatto intendere quale sarà la Roma di stasera, una vera e propria rivoluzione in campo, a partire dalla difesa

Formazione Roma HJK
Abraham, Smalling e Cristante (Foto da ANSA)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Se la sconfitta nella prima partita contro il Ludogorets potrebbe essere assorbita, l’eventuale passo falso di stasera contro l’Helsinki significherebbe mettere un piede fuori dalla competizione europea. Josè Mourinho non potrà quindi permettersi errori eppure da quello che è trapelato in conferenza stampa, in campo vedremo una vera e propria rivoluzione, dal modulo ai giocatori osserveremo una Roma rivisitata, prove ufficiali verso il big match contro l’Atalanta?

Mourinho gioca a 4, Smalling in panchina, Camarà e Zaniolo dall’inizio, riposo iniziale per Dybala

Roma HJK formazione
Nicolò Zaniolo (Foto Instagram)

Una conferenza come sempre enigmatica quella di Josè Mourinho prima della partita di stasera, questa volta però il portoghese ha lasciato intendere qualcosa di più, potrebbe essere anche solo fumo negli occhi, tentativo per depistare degli avversari sicuramente arrivabili ma che metteranno sul piatto punti fondamentali per l’avanzamento in Europa League.

Potrebbe interessarti anche >>> Juventus, esonero Allegri: arriva l’annuncio shock di Arrivabene

Da quello che emerge la rivoluzione sarà in difesa, solo due centrali in campo che probabilmente risponderanno al nome di Mancini e Ibanez, al centro invece è pronto all’esordio Camarà, non per tutti i 90 minuti, Zaniolo farà riposare Dybala, almeno se gli eventi lo permetteranno, mentre davanti c’è l’incognita Abraham che potrebbe lasciare il posto ancora una volta al Gallo Belotti.

Potrebbe interessarti anche >>> Champions da brividi! Il tributo per la Regina Elisabetta lascia senza parole – VIDEO

Una partita da seguire e leggere con sguardo attento, i tentativi di Mourinho potrebbero essere la base per la Roma del futuro, al momento il gioco espresso non convince ma il rientro di Zaniolo darà una marcia in più, l’impressione è che esista solo un risultato utile e non saranno perdonati errori.