Home MotoGP MotoGP Malesia, Dovizioso: “Pensavo meglio. Lorenzo? Non perdo tempo”

MotoGP Malesia, Dovizioso: “Pensavo meglio. Lorenzo? Non perdo tempo”

CONDIVIDI

dovizioso motogp sepang malesia
MotoGP Malesia, Dovizioso: “Pensavo meglio. Lorenzo? Non perdo tempo”
Un Gran Premio della Malesia 2018 deludente per Andrea Dovizioso. A Sepang il pilota della Ducati non è riuscito ad andare oltre il sesto posto nella gara MotoGP.

Fino a prima della corsa c’era la certezza che il forlivese si sarebbe giocato la vittoria oggi. Invece la sua prestazione è stata abbastanza anonima. Non ce lo si aspettava. Queste le parole di DesmoDovi al termine della giornata: «Ci tenevo a correre sull’asciutto perché non siamo mai andati forte qui in queste condizioni – riporta Motorsport -. In gara ci sono fattori diversi, soprattutto con un caldo simile, e sono saltati fuori dei limiti che mi hanno condizionato sin dal primo giro. Inoltre ho anche commesso degli errori».

Dovizioso ovviamente amareggiato per il risultato odierno a Sepang, però ritiene che non bisogna essere eccessivamente stupidi dato che Ducati in Malesia senza bagnato non è che volasse in passato: «Pensare che su questo tracciato avremmo vinto facilmente è errato. Bisogna vedere quanti risultati ha fatto la Ducati con l’asciutto su questa pista, pochi. E’ vero che pensavo di fare meglio, ma negli anni passati abbiamo vinto con la pioggia».

La cosa positiva è che il forlivese è matematicamente vice-campione del mondo MotoGP anche nel 2018. Infatti, Valentino Rossi dopo la caduta ha chiuso diciottesimo e dunque il Dovi nell’ultima gara a Valencia sarà tranquillo. Domanda finale sull’attacco ricevuto da Jorge Lorenzo nella giornata di ieri: «Perché avrei dovuto parlare con Lorenzo? Non perdo tempo in queste cose. Lui fa sempre il solito errore di dare troppa importanza a quello che viene scritto anche se viene decontestualizzato. Non ho puntato il dito contro nessuno e non ho alcun problema con Jorge».

Leggi anche ->MotoGP, Lorenzo risponde a Dovizioso: “Sei un vero gentiluomo”

 

Di Matteo Bellan