Inter-Lukaku, l’accordo si farà, poi se ne riparlerà nel 2023

Tra Chelsea ed Inter sembra esserci l’accordo per risolvere la questione Lukaku almeno per questa stagione, si discutono le cifre per il prestito secco

Lukaku Inter
Romelu Lukaku (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Una questione delicata per entrambi i club quella legata a Romelu Lukaku, dalla parte del Chelsea è impossibile immaginare di perdere un capitale come quello investito lo scorso anno di oltre 110 milioni di euro, sponda Inter invece nonostante le dichiarazioni d’amore del giocatore c’è un bilancio da far quadrare, acquistare ancora una volta Lukaku potrebbe significare tornare nel baratro che li ha colpiti due stagioni fa e che proprio i soldi della cessione dell’attaccante hanno in parte sistemato. Una soluzione però va trovata e per quest’anno sembra essere vicina la fumata bianca, poi se ne riparlerà nel 2023.

Lukaku può tornare a Milano con un prestito secco tra i 5-10 milioni di euro

Lukaku Inter
Lukaku, Lautaro, Dybala (Foto Instagram)

Quello che trapela è che entrambe le società in questo momento abbiano l’intenzione di risolvere la questione ma nessuna abbia i mezzi necessari per farlo, cosa fare quindi? Rimandare tutto al 2023, sembra proprio questa la strada che i due club sono intenzionati a percorrere.

Potrebbe interessarti anche >>> Gerard Pique, divorzio anche con il Barca, interessamento in serie A

Resterebbero sempre le contropartite tecniche da mettere sul piatto, al Chelsea piace sia Skriniar che Dumfries, cosi come Bastoni e De Vrij, si potrebbe intavolare una trattativa inserendo queste contropartite ma sarebbe una questione da valutare e risolvere con estrema calma.

Potrebbe interessarti anche >>> Zaniolo-Roma, prima fumata nera nell’incontro per il rinnovo

Per non complicare le cose quindi l’ipotesi più semplice è quella del riscatto secco, come scritto dal Corriere dello Sport un accordo in questo senso potrebbe raggiungersi con una cifra tra i 5 e i 10 milioni di euro, soluzione che accontenterebbe tutti e lascerebbe ad entrambi i club un anno per respirare e definire un accordo più oculato che possa essere sicuramente vantaggioso per entrambe le parti.