Home Calcio Real Madrid, Zidane su Ronaldo: “Cristiano insostituibile”. Sul mercato ammette cessioni importanti.

Real Madrid, Zidane su Ronaldo: “Cristiano insostituibile”. Sul mercato ammette cessioni importanti.

CONDIVIDI
Zidane parla del futuro del Madrid e loda Ronaldo "E' insostituibile".
Zidane parla del futuro del Madrid e loda Ronaldo “E’ insostituibile”.

Altro che passato. Il feeling tra i due resterà sempre, quei sorrisi ai tempi del Real Madrid delle tre Champions di fila sono scolpiti nel cuore di Zinedine Zidane e non si possono cancellare.

Così il tecnico francese dei Blancos quando gli viene chiesto di commentare la stagione di Cristiano Ronaldo ha sempre parole al miele, senza dubbio il calciatore più forte che abbia mai allenato. E quanto pesa il vuoto lasciato da CR7, specie in questa stagione maledetta, Zizou lo sa bene. Così alla viglia della sfida contro il Leganes domani alle ore 21.00, il francese dice:Puoi fare quello che vuoi, possiamo comprare grandi giocatori ma non faranno mai quello che ha fatto Cristiano. Ora non c’è più e non può essere sostituito, così è la vita. Ha fatto grandi cose con questa maglia, sono felice per lui, noi dobbiamo ripartire anche senza di lui” sviolina il francese.

>> Se vuoi rimanere aggiornato sul meglio delle notizie di Sport >> CLICCA QUI

Il messaggio è chiaro così come l’obiettivo di chiudere la Liga al secondo posto e archiviare una stagione orribile senza vincere nulla. Poi c’è la questione mercato che tiene banco, argomento del quale Zidane non gradisce parlare, risponde sempre che non è il momento, però questa volta qualcosa ha aggiunto. “Qui ci sono molti giocatori con i quali è possibile fare cassa perché sono tutti buoni. Vedremo, tra questi c’è anche Isco. A me piace, è un giocatore importante che ha molte richieste. Ne parleremo più avanti. L’unica cosa certo è che faremo dei cambiamenti. Ora però restiamo concentrati sul finale di stagione” ha concluso.

LEGGI ANCHE –  Real Madrid, dalla Spagna: “Offerti 70 milioni per Jovic. Ultimi accordi, poi la firma”.