JUVENTUS. Del Piero c’è Elia fallisce la prova

Un’amichevole, tre osservati speciali, quattro gol, duecentocinquanta spettatori. Ieri la Juventus ha giocato contro il Savona, squadra di Seconda Divisione, sotto gli occhi attenti di Pavel Nedved, Gianluca Pessotto ed Emerson: tre grandi protagonisti della Juve che vinceva hanno applaudito Alessandro Del Piero, autore del primo gol e di una prestazione intensa. Privo di centrocampisti con l’eccezione di Pazienza, Conte ha schierato un 4-3-3: Manninger; Motta, Bonucci, Grosso, De Ceglie; Giaccherini, Pazienza ed Elia a centrocampo; Del Piero, Toni e Quagliarella in avanti. Nella ripresa sono entrati Appelt per Toni e poi Iaquinta per Motta. La Juve ha vinto 4-0 con gol di Del Piero, Appelt, Grosso e Giaccherini (che poi ha dichiarato: «Questi test sono preziosi perché permettono di “fare gamba” e ci aiutano ad applicare le idee del mister. Non possiamo permetterci di fermarci»). Oltre ai nazionali mancava Storari che era accanto alla moglie Veronica per la nascita di Piergiorgio, il loro secondo figlio. L’amichevole serviva soprattutto a valutare le condizioni di Fabio Quagliarella, Eljero Elia e Vincenzo Iaquinta.

Elia Un paio di volte Quagliarella ha dialogato a gesti con Elia: evidenti le incomprensioni per la scarsa conoscenza dell’italiano da parte dell’olandese. Contro il Savona Elia si è dato da fare, ha provato a saltare gli avversari, ha quasi cercato di strafare. Non si aspettava un inserimento tanto complicato e sta provando a reagire.

Gestione cookie