Tennis | US Open, Giorgi a testa alta. Uragano Djokovic

La tennista italiana Camila Giorgi tiene alti i colori azzurri agli US Open. La 28enne resta in corsa, mentre parte forte il campione Djokovic

Tennis | US Open, Giorgi a testa alta. Uragano Djokovic
Tennis | US Open, Giorgi a testa alta. Uragano Djokovic (Getty)

Camila Giorgi tiene alti i colori dell’Italia agli US Open. Mentre la truppa azzurra continua a perdere pezzi, la tennista 28enne prosegue la sua corsa nel torneo a Flushing Meadows battendo la belga Van Uytvanck con un 2-6 6-1 7-5. L’italiana resta l’unica azzurra ancora nel torneo (eliminata anche Jasmine Paolini) e si prepara a sfidare Naomi Osaka, la giapponese campionessa US Open nel 2018 e tra le favorite del torneo. Per quel che riguarda la componente maschile, si attendono le gare degli italiani Berrettini, Sinner, Mager, Seppi e Caruso, mentre Travaglia, Sonego, Lorenzi, Gaio e Cecchinato sono già stati eliminati.

Ti potrebbe interessare anche – USA | Caso Blake, si fermano anche Tennis, Calcio e Baseball

Tennis, US Open: Djokovic parte come un treno. Bene l’italiana Giorgi

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Sere d’estate #summer #nights

Un post condiviso da 🎀 Camila Giorgi 🎀 (@camila_giorgi_official) in data:

Tra i super big del torneo non si registrano sorprese in queste prime battute degli US Open. Parte bene il campione Novak Djokovic: il 33enne serbo supera agevolmente Damir Dzumhur (6-1 6-4 6-1) e centra la sua vittoria numero 24 su altrettanti incontri in questo 2020. Vince anche David Goffin, che supera Opelka in quattro set (7-6 3-6 6-1 6-4), mentre Christian Garin rischia grosso col giovane Ulises Blanch (appena 22 anni e numero 244 al mondo) ma riesce poi a spuntarla. Perde John Isner al quinto set contro il connazionale Steve Johnson. Nel lato femminile, vanno avanti anche Martic, Rybakina, Riske e Kontaveit mentre la giovanissima Cori Gauff perde – ma a testa alta – contro l’esperta Sevastova.

Leggi anche – Tennis | Novak Djokovic vince l’Atp 1000 di Cincinnati. Il messaggio del campione