Serie A | Juventus, Sarri guarda solo all’Atalanta e snobba la Champions

Serie A, alla vigilia di Juventus-Atalanta le parole di Maurizio Sarri: testa concentrata sul campionato senza distrazioni

Juventus Dybala
Juventus, Paulo Dybala torna dall’inizio (Getty Images)

C’è Juventus-Atalanta e la testa di Maurizio Sarri è tutta concentrata su quello. Almeno a parole, perché sembra impossibile credere che non abbia buttato più di un occhio ai sorteggi della Champions. Ma agosto al momento è ancora lontano, con il discorso scudetto in sospeso e i blackout che nella sua Juve si moltiplicano.

Quindi ben venga un esame tosto come l’Atalanta che invece al momento è la squadra più in palla. Una sfida da mal di testa e lui se la cava con una battuta: “Ha ragione Guardiola quando dice che con loro è come andare dal dentista. Puoi uscirne bene o male, ma sempre con dolore”. Al di là dello scherzo, il tecnico toscano ha profondo rispetto de lavoro di Gasperini e riconosce che i nerazzurri stanno disputando una grandissima stagione.

Per questo non vuole cali di concentrazione e allontana il discorso Champions. Certamente pensare al Real Madrid o al City, con un Lione ancora da affrontare ed eliminare, è nei suoi pensieri. “Lasciamo perdere i sorteggi della Champions, adesso non mi interessano. Il Lione è talmente lontano dai nostri pensieri che non dobbiamo perderci la minima energia”.

Sarri Juventus
Maurizio Sarri pensa all’Atalanta (Getty Images)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Calciomercato Juventus | Due nomi sul tavolo delle trattative

Juventus-Atalanta, Sarri recupera due titolari preziosi e cambia ancora formazione

E allora sotto con l’Atalanta, con una formazione diversa da quella bella solo per un’ora a San Siro. In difesa torna de Ligt che contro il Milan sarebbe servito e davanti Cristiano Ronaldo ritroverà Dybala. Per l’argentino Sarri spende parole dolci e sa che al momento nessuno può prescindere da lui. Il terzo potrebbe essere Douglas Costa, altro in grado di fare la differenza con le sue accelerazioni devastanti.

Cristiano Ronaldo aspetta i nerazzurri (Getty Images)

Non ci sarà ancora spazio per Chiellini dall’inizio, perch il capitano non è ancora al top della condizione mentre Alex Sandro sì. E poi Higuain, che a Milano è uscito arrabbiato. Il tecnico lo vede in crescita, a San Siro dice di avergli dato anche più minuti di quelli preventivati ma l’addio è dietro l’angolo.

Impostazioni privacy