Milan umiliato dal Sassuolo: gaffe clamorosa della Lega

Prosegue il periodo nerissimo del Milan che viene umiliato anche in casa dal Sassuolo: nove gol subiti dalla squadra di Pioli nelle ultime due partite

Esonero Pioli
Stefano Pioli, allenatore del Milan (foto da Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Sembra che non ci sia fine al peggio in casa Milan. Dopo un inizio 2023 da incubo dalla squadra rossonera ci si aspettava una reazione nel match contro il Sassuolo e invece la situazione è precipitata ancora di più. I ragazzi di Pioli arrivavano dal pesantissimo 4-0 subito dalla Lazio e il match contro i neroverdi in crisi di risultati e di identità sembrava l’appuntamento ideale per una risalita.

Cinquina del Sassuolo al Milan: gaffe social della Lega

La cinquina umiliante da parte del Sassuolo è sicuramente il punto più basso degli ultimi tre anni. Era dalla stagione 1996/1997 (1-6 contro la Juventus) che il Milan non subiva più di quattro gol in una partita interna. La difesa fa acqua da tutte le parti, l’enigma Tatarusanu è sempre più complesso da risolvere, poca lucidità nel reparto offensivo: insomma sono tanti i problemi che Pioli deve risolvere nel più breve tempo possibile anche perché domenica prossima c’è il derby e poi arriverà anche la Champions.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Juventus a picco, Allegri sbotta nel postpartita: frasi choc

A gettare sale sulle ferite dei tifosi rossoneri ci si è messa però, nell’immediato postpartita, anche la Lega. Sull’account ufficiale Twitter Lega Serie A è comparso un “cinguettio” che ha fatto infuriare i supporters milanisti: “Cinquina del SassuoloUS a San Siro! #MilanSassuolo 2-5″, il tutto corredato da un emoticon della manita, ossia del palmo della mano aperto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>  Juventus, addio Max Allegri: scelto il sostituto, nome clamoroso

Un post che è sembrato una presa in giro ai fan milanisti che hanno subito commentato contrariati. L’incidente diplomatico è stato evitato dall’intervento dell’ad della Lega, Luigi De Siervo, che ha fatto togliere l’emoticon incriminata.