Cristiano Ronaldo, il retroscena è pazzesco. “Non mangiava…”

Continua la pioggia di rumors sul finale di carriera del talento portoghese, a rivangare il passato un suo ex compagno di squadra, rivelazione incredibile

Cristiano Ronaldo stipendio Al Nassr
Cristiano Ronaldo (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

È sicuramente il calciatore più chiacchierato di sempre Cristiano Ronaldo anche se nell’ultimo periodo non sono le sue prestazioni eccezionali ad accendere i riflettori sulla sua persona. Forse basterà la sua prossima firma sul contratto da 200 milioni di dollari all’anno a far tacere tutti, ma per ora a parlare sono tornati anche alcuni dei suoi ex compagni di squadra degli inizi di carriera, rivelazioni scottanti che aprono al mondo intricato di CR7.

Marius Niculae: ” Ronaldo non è socievole, dovevamo pregarlo per venire a tavola con noi!”

Cristiano Ronaldo Real Madrid
Cristiano Ronaldo (screen Instagram)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Cristiano Ronaldo, vicinissima la firma: quanto guadagnerà il portoghese

A parlare del talento portoghese è stato proprio Marius Nicolau, ex compagno di squadra di un giovanissimo Cristiano Ronaldo nello Sporting Lisbona. A stupire ancora una volta è stata la descrizione dell’etica ferrea del campione che a quanto pare lo ha reso fin da subito poco avvezzo alle perdite di tempo, anche per socializzare con i suoi compagni.

La descrizione di Nicolae parla infatti di un Ronaldo solitario e fisso sui suoi obiettivi fin da subito, “Cristiano non era molto socievole, per farlo sedere a tavola con noi dovevamo sempre pregarlo, era sempre nel suo mondo e difficilmente saltava i suoi allenamenti personali, andava in palestra da solo e quando tutti finivano di allenarci e andavamo a tavola lui non veniva quasi mai. Penso che firmerà con l’Al Nassr per poi dedicarsi ad Hollywood, quello è il posto giusto per una stella come lui!”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Sorpresa Cristiano Ronaldo: svelata la prossima squadra, clamoroso indizio

Parole nelle quali è facile leggere una vena di sarcasmo o forse anche un pò di invidia per la storia che da li in poi è riuscita a scrivere l’ex compagno di squadra, forse a scapito dei rapporti umani ma la conquista di 5 palloni d’oro non avrebbe potuto compiersi a scanso di sacrifici importanti. Adesso mancherà poco a scoprire il suo futuro, tutto fa pensare però che sarà l’Arabia Saudita a godere dei goal del campione per i prossimi anni.