Caos Roma, Mourinho pronto ai saluti a Giugno, l’indiscrezione clamorosa trova le prime conferme

La Roma non decolla e Josè Mourinho non sembra più convinto del progetto, prove di addio già lanciate che mettono in ansia società e tifosi

Mourinho saluti Roma
Josè Mourinho (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Non c’è un attimo di tregua per la società giallorossa che ha finito la prima parte di stagione in netto calo e sembra non aver più ritrovato il controllo della situazione, dal tour in Giappone alle ultime amichevoli la squadra è sembrata più compassata che mai, ancora nessun miglioramento sul piano del gioco e solo piccoli passi anche per quel che riguarda lo svuotamento dell’infermeria. Il ritorno in Serie A a Gennaio preoccupa tutti e non poco ma adesso ci sarà un ulteriore gatta da pelare dopo i primi segni di cedimento anche dello Special One.

Mourinho parlerà con la società a giugno, nessun doppio incarico con la nazionale, investimenti importanti o addio al progetto

Mourinho saluti Roma
Josè Mourinho (Claudio Giovannini – Ansa)

Si sono susseguite in questi giorni le voci sul possibile doppio incarico offerto a Josè Mourinho, allenare la Roma e contemporaneamente la nazionale portoghese sarebbe teoricamente possibile a livello di regolamento ma lo Special One è uno che non ama gettarsi in più progetti insieme ma piuttosto portare a termine i suoi obiettivi con estrema dedizione passo dopo passo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Tragedia sfiorata per l’Albiceleste, 4 giocatori colpiti duramente, anche Messi era tra loro – VIDEO

Lo aveva già fatto sapere in una recente intervista in cui il portoghese aveva dichiarato quanto segue: Allenerò la nazionale quando sarò vecchio, per ora mi piace vivere di calcio tutti i giorni. Sicuramente sarà così, ma forse potrebbe non esserlo al fianco della sua Roma con la quale sarebbe in teoria legato ancora per un ulteriore stagione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mercato Roma, si monitora un giovane difensore di Serie A

A preoccupare Josè Mourinho cominciano ad essere le risposte della squadra che non arrivano sul piano di gioco, stessa preoccupazione che tra le altre cose pervade anche i tifosi giallorossi. Non di certo è tutta sua la colpa, guardando alla rosa è facile infatti capire come all’arrivo di un pezzo importante sia sempre corrisposta una partenza altrettanto pesante, dai saluti di Dzeko con il rimpiazzo Tammy Abraham, passando per Mkhytarian rimpiazzato da Dybala.

La Roma “galleggia” ma non fa il salto di qualità che l’allenatore sperava dopo due anni dal suo arrivo, nemmeno gli infortuni sono dalla sua con Gini Wijnaldum mai pervenuto e sul quale il portoghese faceva grosso affidamento. Una situazione quindi da risolvere definitivamente e l’unico modo è entrare a gamba tesa sul mercato senza più mezze misure. Per questo però non sarà gennaio il momento decisivo ma arriverà a giugno, dove le parti sedute a tavolino decideranno cosa fare per il futuro, l’impressione però è che Mourinho si stia allontanando sempre di più dalla capitale che invece continua ad acclamarlo.