Gianluca Vialli, chi è la moglie? l’angelo custode è Cathryn White Cooper

Gianluca Vialli, chi è la moglie: si tratta di Cathryn White Cooper, ex modella sudafricana che le sta accanto in questo momento difficile della loro vita. L’ex bomber l’ha conosciuta quando giocava al Chelsea. 

Gianluca Vialli Cathryn White Cooper
Gianluca Vialli Cathryn White Cooper (screen web)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Dopo la morte di Mihajlovic, il calcio italiano è rimasto in ansia per qualche giorno anche per Gianluca Vialli, partito per Londra per il peggioramento delle sue condizioni di salute. I tifosi sono con il fiato sospeso e temono per la vita dell’ex bomber, che nel 2017 gli è stato diagnosticato un tumore al pancreas che sembra essere ritornato in maniera importante.

Da pochissimi giorni ha avuto un peggioramento che lo ha costretto a sospendere il suo incarico con la nazionale, con cui ha vinto l’Europeo 2021 insieme al CT Mancini. Proprio i due sono stati tra i protagonisti de “La bella stagione”, il docufilm diretto da Marco Ponti che racconta gli anni d’oro della Samp fino all’Europeo 2021.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Chiara Ferragni beccata in intimo rosso trasparente: ”Sei davvero l’orgoglio di tutta l’Italia!” FOTO

Gianluca Vialli, chi è la moglie: conosciamola meglio

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Luca Vialli (@lucavialli)

Al suo fianco, come sempre, la moglie Cathryn White Cooper, ex modella sudafricana conosciuta ai tempi del Chelsea. Nel 2003 la coppia si è sposata e ha avuto due bambine, Olivia e Sofia, i gol più belli di bomber Vialli. Ora il destino lo sta mettendo duramente alla prova e Cathryn è sempre con lui, pronta sino all’ultimo a sostenerlo nella sua lotta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Elisabetta Canalis, décolleté esplosivo in auto: la forma è da urlo FOTO

Gianluca ha sempre detto che la sua vita non sarebbe stato molto longeva e che questo ”ospite indesiderato” gli ha cambiato il modo di vedere le cose e di vivere la vita, definendolo ”un compagno di viaggio che avrei evitato volentieri” e che, purtroppo, potrebbe impedirgli di continuare a ridere e regalare emozioni.