Conferme ufficiali riguardo Schumacher, un nuovo inizio che riaccende le speranze sul campione

In molti dei suoi infiniti estimatori avevano perso le speranze ma è appena arrivata la notizia che rincuora tutti, c’è ancora speranza per Schumacher

Schumacher ufficiale Mercedes
Michael Schumacher (Foto da Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

È stato sicuramente l’esordio più atteso in formula uno quello di Mick Schumacher, soprattutto dopo la situazione familiare che l’ha colpito l’amore indiscusso che tutti gli appassionati di questo sport nutrono per il celebre papà si è in un attimo riversato su di lui, anche se le speranze di gloria si sono però ben presto affievolite, soprattutto dopo l’ultima bocciatura della Haas che aveva di fatto tirato fuori il baby talento dal palcoscenico.

Toto Wolff salva Schumacher, il tedesco sarà ufficialmente il pilota di riserva di MercedesMick Schumacher Mercedes

Un regalo inaspettato che, anche se non riporterà spesso Mick Schumacher oltre la linea dei box, lascia comunque aperta la speranza per il futuro. Con la Mercedes la tradizione di famiglia è ben radicata, dal papà allo zio, ed in qualche modo potrebbe davvero dare nuova luce alla carriera del pilota ancora solo 23 enne.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Chi è Frederic Vasseur, l’uomo scelto dalla Ferrari

Un’opportunità offerta da Toto Wolff che ha voluto strappare il ragazzo alla scuderia di Maranello per cominciare a fargli annusare l’aria che tira in Mercedes. Per lui non saranno molte le opportunità, per ora è infatti previsto solo qualche turno di libere da affidare al tedesco e tanto simulatore, ma le vie del destino sono spesso difficili da interpretare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Formula 1, terremoto Ferrari: rivelazione shock su Mattia Binotto, da non credere

L’occasione di girare con una macchina top di gamma potrebbe riaccendere i riflettori sul figlio d’arte e chissà che, con l’addio di Hamilton sempre più vicino, non possa davvero ritornare Mick Schumacher in griglia di partenza sotto la tuta bianca. Così è stato anche per suo padre e varrebbe la gioia di tutti i tifosi di Formula1 che non sembrano accettare di buon grado, dopo oltre 20 anni, di veder sparire un cognome come il suo dal palcoscenico più importante della categoria.