Adani sbattuto fuori anche dalla Rai, urlo strozzato in gola per l’attesa finale tra Argentina e Francia

Ancora un’esclusione clamorosa per Lele Adani, dopo aver compiuto tutto il cammino è fuori dal progetto proprio in vista della finale, che botta!

Lele Adani cacciato Rai
Lele Adani (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Non è uno dei cronisti più imparziali in circolazione Lele Adani e forse deve aver pagato ancora una volta per questo lato della sua personalità, a riportare la notizia è stato il quotidiano “La Repubblica” e da quanto emerso sembra proprio che in Rai avverrà un cambio di guardia improvviso in vista della finale, ennesima esclusione che brucia parecchio e che divide la piazza, la verve del cronista infatti non conosce mezzi termini, o la si ama o la si odia ma a quanto pare in Rai devono avere le idee ben chiare al riguardo.

Adani fuori dalla Rai, ennesima bocciatura sul curriculum del Cronista

Adani cacciato Rai
Lele Adani (Foto Instagram)

E’ stata una delle voci simbolo di questo mondiale soprattutto durante le tante telecronache all’Argentina in cui la sua ammirazione per la Selecciòn è spesso stata espressa senza mezze misure, soprattutto sulle giocate illuminanti di Lionel Messi per il quale Lele Adani nutre una cosiderazione con pochi eguali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Quanto guadagna Adani: stipendio super per l’uomo che sta dividendo gli italiani

Tutto questo entusiasmo a quanto pare non è piaciuto alla Rai che in vista della finale tra Argentina e Francia ha optato per un passaggio maggiormente imparziale, a commentare la finale infatti saranno Alberto Rimedio ed Antonio Di Gennaro, due vecchie glorie della Rai che sono state rispolverate per l’importante occasione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mondiali, la FIFA ha deciso le sanzioni per l’Argentina: cosa cambia per le semifinali

A questo punto non è chiaro se per Lele Adani sia stata una bocciatura oppure ci siano semplicemente delle gerarchie da rispettare, quel che è certo però è che la scelta di togliergli la sedia proprio per l’attesissima finale, e proprio con la sua squadra preferita in campo, non deve essere piaciuta al cronista che per il futuro probabilmente si guarderà bene da accettare un’ulteriore incarico per la rete nazionale.