Prima lo premia e poi lo beffa, Valentino Rossi è una furia contro la FIM

Bomba su bomba in MotoGP, il futuro del team di Valentino Rossi è a rischio, il presidente della FIM Jorge Viegas ha acceso il caso

Valentino Rossi torna yamaha
Valentino Rossi (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

È solo di pochi giorni fa la serata di gala organizzata dalla FIM in cui è avvenuta la premiazione di Valentino Rossi con una medaglia d’oro alla carriera, preso dall’euforia del momento però, il presidente Jorge Viegas, si è forse spinto davvero troppo in là accendendo un vero caso che potrebbe avere conseguenze inaspettate. Dopo le dichiarazioni del presidente FIM sul fatto che il team VR46 sarebbe passato sotto Yamaha, ecco che arriva la smentita dei diretti interessati, situazione inverosimile.

Alessio Uccio smentisce Viegas, “rispetteremo gli accordi con la Ducati, c’è un opzione per il rinnovo”

Valentino Rossi torna Yamaha
Jorge Viegas presidente FIM (Foto Instagram)

Sicuramente la notizia bomba dell’addio futuro del team di Valentino Rossi alla Ducati non deve essere piaciuta alla casa di Borgo Panigale che con il “Dottore” ha un contratto fino al 2024 e con possibile opzione di prolungamento fino al 2025. Con 3 anni di anticipo quindi è quasi inspiegabile la scelta del presidente FIM Jorge Viegas di parlare di un futuro così lontano come se ci fosse già un vero e proprio accordo fra le parti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Valentino rossi sciocca i fans, notizia bomba: lo ha appena fatto

Inevitabile la smentita di Alessio Salucci, conosciuto a tutti come “Uccio” e grande amico di Valentino Rossi oltre che direttore del suo team. Nessun accordo con Yamaha, almeno per ora, queste le sue parole: Non so perché Viegas abbia sganciato questa bomba, noi non ne sappiamo niente, rispetteremo l’accordo firmato con la Ducati poi vedremo, per noi l’importante è avere moto competitive”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Caos MotoGP, polemiche di Dall’Igna: “I rivali ci copiano tutto!”

Nulla di scritto quindi, anche se la polemica per i troppi team Ducati in pista sta già impazzano ed è facile che la questione nel futuro verrà rimaneggiata dalla DORNA, staremo a vedere, intanto per questo 2023 si prospetta ancora un’ondata tutta rossa in MotoGP.