Scandalo Ferrari, Binotto dopo l’addio ha rivelato tutto, accadrà già dal prossimo GP

Rivelazioni shock da parte di Gunther Steiner, indiscrezioni clamorose ricevute proprio dall’ex Team Principal di Ferrari

Ferrari rivelazioni Binotto 2023
Gunther Steiner (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Sale già l’attesa per l’inizio del prossimo mondiale di Formula1, i dati di ascolto sempre in crescendo degli ultimi anni sono legati soprattutto allo spettacolo che questo sport continua a promettere e nel 2023 non sarà diverso, soprattutto dopo quando rivelato da Gunther Steiner, Team Principal di Haas che, nell’ultima intervista rilasciata, ha fatto tremare la piazza con le sue dichiarazioni, soprattutto perché a far venir fuori tutto sarebbe stato proprio Mattia Binotto prima di lasciare il muretto.

Steiner infiamma la piazza, “Motore Ferrari senza rivali nel 2023, me lo ha detto Binotto”.

Ferrari rivelazioni binotto 2023
Mattia Binotto (Fonte da Instagram)

A riportare la notizia è stato il quotidiano Tuttosport dopo l’intervista di Gunther Steiner avvenuta in occasione della 29esima edizione del Trofeo Lorenzo Bandini. Possono esultare i tifosi delle Ferrari che stavano quasi perdendo le speranze dopo i tanti problemi di macchina visti nell’ultima stagione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Formula 1, mossa inattesa della FIA: pioggia di penalità, trema la Ferrari

Problemi che sembra siano stati risolti, soprattutto perché uno dei crucci più grandi della Ferrari 2022 è stato proprio il motore, elemento problematico per lo più nella sua parte ibrida sulla quale devono aver lavorato molto i tecnici.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Formula 1, ritiro Lewis Hamilton: rivelazioni stupefacenti

Ovviamente la Haas come team satellite di Ferrari non potrebbe essere più felice di cosi, soprattutto perché il nuovo motore arriverebbe anche nella scuderia di Steiner purtroppo non più alla disposizione di Mick Schumacher. C’è un motivo in più quindi per stare in trepidazione nell’attendere questo mese e mezzo in vista del primo GP del 2023 che, alla fine dei conti, potrebbe essere meno scontato di quel che tutti avevamo immaginato.