Ciro Immobile stravolge i tifosi, “Lascio spazio a uno più bravo di me!”

Che botta per la Lazio, la confessione di Ciro immobile sul futuro lascia tutti senza parole, addio al campo che sembra definitivo

Ciro immobile lascia nazionale
Ciro Immobile (Instagram – azzurri)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Lo splendido momento di forma della Lazio spesso e volentieri coincide sempre con le prestazioni di uno dei suoi giocatori chiave ormai da anni, parliamo di Ciro Immobile che con i biancocelesti ha trovato il compimento perfetto e numeri che lo hanno confermato tra gli attaccanti più forti della nostra Serie A. Per il futuro tuttavia c’è aria di cambiamento, l’attaccante napoletano fa i primi dietrofront ipotizzando chi sarebbe il suo sostituto ideale.

Immobile prepara l’addio, “c’è Raspadori che è più forte di me”

Ciro Immobile lascia nazionale
Raspadori (Foto da Instagram)

Intervistato dai microfoni di Sportitalia Ciro Immobile ha parlato della situazione attuale della Lazio e del suo Napoli che in questo momento domina la scena e, anche per l’attaccante, risulta essere il favorito per il titolo a fine anno. Non solo questo però, toccati anche altri punti molto sensibili che preoccupano non poco tutti i suoi tifosi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lazio, continua la caccia ad un terzino: nel mirino un nuovo profilo

Nel finale di intervista, infatti, Ciro Immobile si è lasciato andare a dichiarazioni inaspettate per quello che riguarda il suo futuro e quello della Nazionale, “Per il futuro del calcio italiano Giacomo Raspadori è un giocatore superiore anche a me e più coerente per il gioco dell’Italia, forse solo meno bomber”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Juventus fuori da Serie A e Coppe Europee, arrivano le prime conferme ufficiali

Dichiarazioni che sanno di conferme di addio alla Nazionale e che stupiscono ancora una volta per la sincerità e soprattutto per l’umiltà dimostrata dal ragazzo. Possono dormire sonni tranquilli invece i tifosi della Lazio, per l’addio definitivo non sembra ancora arrivato il momento, anche se a 32 anni qualche pensierino al riguardo l’attaccante avrà già cominciato ad averlo.