Ferrari nei guai, rifiuto clamoroso del dirigente, continua la caccia al Team Principal

Dopo le dimissioni di Mattia Binotto è caccia al sostituto, un nome pesante messo sul taccuino ha rifiutato l’incarico, che sferzata!

Ferrari Christian Horner
Toto Wolff e Binotto (Foto da ANSA)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Dopo la stagione appena conclusa quello che serve in Ferrari più di tutto sono certamente le garanzie, sono stati diversi gli errori in stagione commessi dal muretto, soprattutto riguardo le strategie di gara e proprio da questo è probabilmente partita tutta la giostra che ha portato in fine all’addio di Mattia Binotto. La ricerca del sostituto non potrebbe quindi che portare a nomi di livello assoluto, anche a costo di “scippare” da scuderie rivali, l’ultima indiscrezione venuta fuori parla proprio di un tentativo di questo genere che però è stato prontamente rispedito al mittente, situazione imbarazzante.

Ferrari tenta Christian Horner, il boss della Red Bull chiude la porta

Ferrari Christian Horner
Horner (Foto ANSA)

A riportare la notizia è stato il portale tedesco “Auto, Moto und Sport”, secondo quanto appreso la ricerca del sostituto di Mattia Binotto non è cosa recente, il Cavallino si era già portato avanti con il lavoro avanzando una richiesta ufficiale a niente meno che Christian Horner già diversi mesi fa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Toto Wolff senza freni, “Non paragonateci alla Ferrari!”, Stoccata senza precedenti

Un secco no è arrivato all’indirizzo della scuderia di Maranello, per Horner la strada in Red Bull d’altronde è ormai ben spianata e prendersi carico della difficile situazione in Ferrari sarebbe una scommessa difficile, nulla di fatto quindi, lo scippo non è riuscito e salgono le quotazioni per il vecchio nome della lista.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Hamilton, che mazzata: rivelazione devastante di Toto Wolff

Resta Frederic Vasseur il favorito a ricoprire la carica vacante, il francese attualmente sotto contratto della Sauber è pronto a farsi carico della patata bollente ed il suo curriculum di tutto rispetto non dispiace affatto alla piazza. Si attende ormai solo l’ufficialità, a meno di qualche altro colpo di scena davvero inaspettato.