Decisione shock: lascia il ritiro della propria nazionale! Addio mondiale

Decisione shock: lascia il ritiro della propria nazionale! Addio mondiale. L’annuncio è stato dato in queste ore. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da André Onana (@andreonana.24)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Dopo gli screzi e la situazione indefinita in merito al litigio tra le parti, ora si è giunti alla conclusione della vicenda: il portiere dell‘Inter Onana ha deciso di non concludere l’esperienza al mondiale con la sua nazionale. L’estremo difensore nerazzurro, titolare del Camerun, era stato escluso dal CT Rigobert Song poco prima della gara contro la Serbia a causa di alcuni divergenze tecniche.

In un secondo momento, forse per i modi con cui è sfociato il litigio, si è arrivati alla sospensione per motivi disciplinari, tant’è che lo stesso Song ha apertamente parlato di reintegro immediato se avesse accettato le regole del gruppo. Evidentemente così non è stato e l’ultima decisione è stata presa proprio da Onana, che in queste ultimissime ore ha abbandonato il ritiro della propria Nazionale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Juventus in Serie B? La clamorosa richiesta della LIGA: gli scenari

Decisione shock: lascia il ritiro della propria nazionale!

Song aveva lasciato le porte aperte poco dopo la gara contro la Serbia: “Mi sono assunto la responsabilità di lasciarlo fuori per motivi disciplinari, devo garantire la disciplina ad un gruppo per la crescita della squadra. Gli ho chiesto di aspettare, se si comporterà secondo le nostre regole non ci saranno problemi, dipende da lui” ha detto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Juventus, si è dimesso tutto il cda: Andrea Agnelli dice addio

La decisione è stata pubblicata sui social proprio dal portiere, che ha deciso di rivelare la propria verità: “Voglio esprimere il mio affetto per il mio Paese e per la mia Nazionale. Contro la Serbia non sono sceso in campo perché non mi è stato permesso, io posso dire che mi sono sempre comportato bene e ho provato ad aggiustare la situazione ma senza successo. Ho dato tutto me stesso ma dall’altra parte non c’era la stessa volontà. Ho sempre rispettato e sostenuto le decisioni prese da chi avrebbe dovuto decidere per il meglio della nostra Nazionale.”