Come funziona la pillola che fa aumentare i muscoli: parla l’esperto

E’ in arrivo anche in Italia la pillola che fa aumentare i muscoli, una moda che potrebbe presto spopolare ma funziona davvero?

Pillola Crescita muscolare
Chris Hemsworth (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Come spesso accade, soprattutto a causa dello scorrere del tempo o dello stile di vita particolarmente sedentario, la muscolatura tende a degradarsi ma, seppur il desiderio di tornare tonici è nella mente di tutti, diversamente accade per quanto riguarda al voglia di partecipare ad estenuanti sessioni di palestra. proprio per questo ha fatto scalpore la notizia arrivata dal Giappone che parla della scoperta di un farmaco in grado di ridare piena tonicità muscolare anche senza attività fisica, la ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature, ma funziona davvero?

Arriva il farmaco miracoloso dal Giappone, tutti in forma senza palestra grazie al LAMZ

Pillola crescita muscolare
Muscoli (Pixabay)

La ricerca effettuata presso la Tokyo Medical and Dental University ha identificato un composto in grado di replicare i cambiamenti che avvengono in muscolatura ed ossa quando si effettuano lunghe sessioni di allenamento fisico, una notizia davvero sconcertante che ha trovato già le prime conferme.

Potrebbe interessarti anche >>> Ora solare, la dieta migliore per contrastare i disturbi del sonno

I primi test sperimentali sono stati effettuati come sempre sui ratti ai quali è stato somministrato Locamidazolo (LAMZ), un derivato dell’Aminoindazolo che sembra avere la capacità di stimolare la crescita muscolare e ossea al pari di quanto avviene allenando il nostro fisico.

Potrebbe interessarti anche >>> Aglio e miele, la strana accoppiata: ecco i benefici miracolosi per il corpo

Sui ratti per ora i risultati sono incoraggianti, lo studio ha infatti rilevato cambiamenti evidenti con fibre muscolari più larghe e una maggior forza sui roditori che avevano ricevuto il LAZM. Come spiegato però dal Dott. Rolando Bolognino dell’Università La Sapienza di Roma i cambiamenti sono stati rilevati non in sedentarietà ma sottoponendo i ratti ad uno sforzo fisico.

Attenzione quindi nel cominciare ad esultare, come spiegato dal luminare, infatti, anche se il farmaco venisse utilizzato sull’uomo i benefici arriverebbero sempre in risposta all’attività fisica e il farmaco non potrebbe mai costituire un sostituto dello sport, anche se l’aiuto per quanto riguarda i risultati ottenuti potrebbe essere davvero considerevole.