Sergio Perez, è ufficialmente finita: terremoto nel paddock di Formula 1

La querelle tra Verstappen e Perez che si è tenuta domenica nel Gp del Brasile sta portando avanti diversi strascichi che potrebbero avere conseguenze sul futuro

Lite Verstappen Perez
Litigio Verstappen-Perez fine gara (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Il Mondiale di Formula 1 è ormai ai titoli di coda. Nel weekend si è corso il penultimo Gp della stagione in Brasile con la prima, storica, vittoria in carriera di George Russell su Mercedes davanti al compagno di squadra Lewis Hamilton. Carlos Sainz sulla Ferrari è salito sul gradino più basso del podio. Ora manca solamente l’ultimo appuntamento ad Abu Dhabi e poi calerà il sipario sulla stagione 2022 che ha visto trionfare per il secondo anno consecutivo Max Verstappen sulla Red Bull.

Lite Perez-Verstappen: gli scricchiolii arrivano da lontano

Formula 1 Sergio Perez Verstappen
Sergio Perez (Foto da ANSA)

L’olandese si è aggiudicato il titolo già da diverse settimane, rendendo di fatto ininfluenti le ultime gare. Ma dietro di sé c’è grande battaglia tra il compagno di squadra Perez e Leclerc per il secondo posto finale. Proprio nel Gp del Brasile, Perez aveva chiesto la posizione con un team radio al compagno di squadra che si trovava al sesto posto, così da rosicchiare ulteriori punti al ferrarista in classifica generale. SuperMax però non ha battuto ciglio e non ha voluto far passare il messicano, nonostante a lui non sarebbe cambiato nulla.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Formula 1, via Schumacher: scelto il sostituto

Ovviamente Perez non l’ha presa per niente bene e i rapporti, non certo idilliaci già prima del Gp sudamericano, sono definitivamente rotti. Alla base di questa antipatia c’è il testacoda di Montecarlo che fu un dispetto del messicano all’olandese. Una cosa che a Max non deve essere andata ancora giù.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Formula 1, duro attacco a Leclerc: tifosi sconvolti

Proprio per questo motivo è plausibile che, nonostante i tentativi di mediazione da parte della Red Bull, anche nell’ultimo Gp di Abu Dhabi il due volte campione del mondo non darà una mano al suo compagno di squadra.

Impostazioni privacy