Blatter vs Infantino, l’attacco al veleno scatena la risposta che lo zittisce

Blatter vs Infantino, incredibile attacco dell’ex numero uno della FIFA che ha avuto il coraggio di criticare una decisione che lui non ha mai preso. 

Coppa del Mondo Blatter vs Infantino
Coppa del Mondo (screen Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Dopo il ricorso respinto per escludere l’Ecuador dal mondiale del Qatar, ecco un nuovo episodio che raccoglie un altro tema a lungo trattato dalla politica internazionale, i diritti civili calpestati in Iran. Dopo i noti fatti che tutti conosciamo, l’ex presidente della FIFA Blatter ha duramente contestato la mancata decisione da parte di Infantino, che ha deciso di rimanere impassibile nei confronti della nazionale asiatica.

Dunque, si aggiunge un nuovo caso oltre a quello di Byron Castillo, giocatore a lungo chiacchierato e che alla fine parteciperà al mondiale nonostante le responsabilità della federazione ecuadoregna, che avrebbe comunque fatte ‘carte false’ specificando informazioni non veritiere nei confronti del proprio tesserato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lazio, Sarri perde un’altra pedina in attacco: con il Monza è allarme rosso

Blatter vs Infantino, arriva la bordata ma…

Pallone Qatar 2022 Blatter vs Infantino
Pallone Qatar 2022 (screen Instagram)s I

Per questo l’Ecuador subirà una penalizzazione di 3 punti per le prossime qualificazioni! La FIFA, dunque, ha deciso di chiudere un occhio nonostante i tentativi di Cile e Perù di provare a fare il possibile per essere ripescate al suo posto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ultim’ora terribile: una stella non ci sarà al Mondiale

Tuttavia, durante un’intervista a ‘Blick’, Blatter ha preferito concentrarsi sulla situazione dell’Iran piuttosto che sull’Ecuador. L’ex numero uno ha infatti dichiarato che “L’Iran dovrebbe essere espulso dalla Coppa del Mondo. Gianni Infantino non ha coraggio per fare una cosa del genere”. Tuttavia, come specificato da ‘Tuttomercatoweb’, fa sorridere come l’attacco arrivi proprio da colui che, in carica come numero 1 della FIFA dal 1998 al 2015, non ha mai preso una decisione del genere visto che i diritti civili in Iran sono calpestati fin dai tempi in cui comandava…