Paradosso FIFA: nazionale al mondiale nonostante l’irregolarità! Il caso

Ecco che cosa si apprende in queste ore: il tanto discusso Ecuador parteciperà alla rassegna iridata nonostante siano state riscontrate delle irregolarità. 

Coppa del mondo Ecuador irregolarità
Coppa del mondo (screen Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

La partecipazione dell’Ecuador al mondiale del Qatar continua a far discutere. Dopo il ricorso del Cile, che aveva avvisato su presunte irregolarità nei confronti del giocatore Byron Castillo, la FIFA prima e il TAS poi si sono espressi ufficialmente in merito alla posizione della nazionale sud americana e del giocatore, che in un primo momento era stato etichettato come colombiano.

Anche il Perù aveva chiesto lumi in merito alla situazione del giocatore, che secondo le due nazionali non era in regola per disputare le gare di qualificazione con l’Ecuador. Ebbene, dopo mesi di chiacchiere e di fake news sulla possibilità che l’Italia potesse essere ripescata, emerge la decisione ufficiale che stona un po’ con le condizioni stabilite.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lazio, Sarri perde un’altra pedina in attacco: con il Monza è allarme rosso

Paradosso FIFA: Ecuador al mondiale ma…

Pallone Qatar 2022 Ecuador irregolarità
Pallone Qatar 2022 (screen Instagram)

Difatti, l’Ecuador potrà partecipare al mondiale ma sarà penalizzata di 3 punti per le prossime qualificazioni! Una decisione che lascia abbastanza perplessi: se l’Ecuador ha fatto letteralmente carte false per far giocare il proprio tesserato, perché non è stato escluso? E soprattutto, se è stata ravvisata qualche irregolarità, perché chiudere un occhio e penalizzarlo per le prossime qualificazioni?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ultim’ora terribile: una stella non ci sarà al Mondiale

Questa la breve nota: “La Corte Arbitrale dello Sport conferma l’eleggibilità di Byron Castillo ma impone delle sanzioni contro la Federazione ecuadoriana per la violazione delle norme FIFA”. Nel comunicato è evidenziato anche il motivo della penalizzazione, ossia l’utilizzo di un documento con informazioni false. Tuttavia, come riporta ‘Goal.com’, sarebbe stato attestato come valido il passaporto presentato da Castillo.