Brooklyn Nets, Steve Nash esonerato: chi al suo posto

Avvio pessimo dei Nets, 2 vittorie in 7 gare che significano il benservito per Steve Nash, Durant e Irving vincono la battaglia silenziosa

Esonero Steve Nash
Irving e Durant Nets (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Non sconvolge propriamente i tifosi la decisione di cambiare aria sulla panchina dei Nets, già da agosto le fratture interne sono sembrate insanabili con Durant che aveva chiesto proprio la testa dell’allenatore alla proprietà che, almeno fino ad ora, non aveva ceduto a ricatti continuando per la sua strada. Le 2 vittorie nelle prime 7 partite tuttavia hanno fatto rumore e costretto Joe Tsai a rivedere le sue decisioni, addio quindi a Steve Nash e spazio al futuro allenatore per riprendere in mano una situazione davvero difficile.

Durant e Irving chiamano Ime Udoka, sarà lui il prossimo allenatore dei Nets

Esonero Steve Nash
Steve Nash e Irving (Foto Instagram)

Alla fine la coppia Durant-Irving potrà festeggiare e chissà se dietro le tante sconfitte di inizio stagione non ci sia solo il caso o la sfortuna ma anche la volontà chiara di ribaltare la panchina, ad ogni modo per Steve Nash l’esperienza con i Brooklyn Nets è terminata e per il futuro si ha già il nome del sostituto.

Potrebbe interessarti anche >>> Risultati NBA, crisi Warriors, volano i Suns

A prendere il posto dell’esonerato Nash molto probabilmente sarà proprio Ime Udoka, ex allenatore dei Boston Celtics sospeso per un anno a causa dello scandalo sessuale in cui si è trovato coinvolto dopo la rivelazione della sua relazione con un membro dello staff. L’allenatore non sarà reintegrato dai Celtics e la strada verso i Nets è spianata proprio dalla coppia d’attacco di Brooklyn.

Potrebbe interessarti anche >>> NBA, infortunio Anthony Davis: tifosi Lakers in ansia

Gli All Star Durant ed Irving infatti accoglierebbero con gioia l’arrivo di Udoka cosi come tutto il resto della squadra, questa volta difficilmente Joe Tsai non darà retta ai suoi giocatori, l’idea è di far ritrovare serenità all’ambiente e l’arrivo dell’ex Celtics potrebbe essere il nome giusto, sempre che il gossip sulla passata esperienza sia pronto ad attenuarsi.

Impostazioni privacy