MotoGP, scandalo Ducati: arriva la risposta del team

Ancora scandali da Borgo Panigale, fa parlare l’ultima vittoria di Bagnaia “Comandata dall’alto”, paddock scosso dalle decisioni di Ducati

Caos ducati bastianini bagnaia
Tardozzi e Bagnaia (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Siamo arrivati all’epilogo finale ed ancora una volta l’esito del Mondiale verrà affidato alla tappa di Valencia cosi come è stato per ben 6 volte nell’era della MotoGP, questa volta il favorito al titolo è Pecco Bagnaia, il ducatista ha raggiunto la vetta della classifica nella penultima gara di Sepang ma quello che sta venendo fuori continua a scuotere il Paddock. E’ stato necessario l’intervento del Team principal di Ducati, Davide Tardozzi, per placare gli animi in subbuglio delle altre scuderie, non è detto però che la questione finisca cosi.

Davide Tardozzi in diretta su Sky, “Noi non tarocchiamo le gare!” Accuse pesantissime

Caos Ducati Bastianini Bagnaia
Bagnaia e Bastianini (Foto Instagram)

A Sepang a far parlare è stato ancora una volta il caso Bastianini-Bagnaia, i due piloti Ducati si sono trovati spesso contro in stagione ma gli ordini di scuderia sono sempre sembrati chiari, Bagnaia non va ostacolato. Nulla di più falso secondo Davide Tardozzi che avrebbe chiarito come la verità sia ben diversa.

Potrebbe interessarti anche >>> MotoGP, Marc Marquez spaventa i tifosi: rivelazioni senza precedenti

“Bisognerebbe guardare i tempi”, queste le sue parole insieme ad un iconico “Noi non tarocchiamo le gare”, secondo il Team Principal di Ducati infatti Bagnaia avrebbe girato più velocemente di Bastianini che, durante i 3 giri avanti al compagno di squadra, stava solo rallentando il passo con conseguente avvicinamento di Fabio Quartararo.

Potrebbe interessarti anche >>> Biaggi costretto ad abbandonare la MotoGP con la “Forza”, addio inaspettato

Il mondiale prima di tutto, alla fine quello che viene fuori non è nulla più di questo, per le lotte interne ormai l’impressione è che si dovrà attendere il prossimo anno, sperando però che un favorito netto all’interno del Team Ducati non riporti ancora l’attenzione più sugli ordini di scuderia che sul talento espresso in pista, situazioni del genere ripetute nel tempo non potrebbero che rovinare la natura stessa di questo sport che si è affermato negli anni anche per la competitività tra i stessi compagni di team.