Djokovic fa 90 e spaventa i rivali: dichiarazioni inattese, che delirio

Il serbo è inarrestabile e per il futuro le promette a tutti, quello che ha appena dimostrato è la conferma che sarà lui l’uomo da battere

Djokovic ATP 500 Astana
Djokovic ATP 500 Astana (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Dopo alcuni anni in penombra la stella del tennis Novan Djokovic è pronta a tornare e riprendersi il primo posto della classifica, fuori da tantissimi tornei a causa della sua fede No Vax, nella prossima stagione, con il probabile abbattimento di moltissime restrizioni, per il tennista serbo si prospetta un anno da protagonista. La dimostrazione è arrivata subito nel torneo di Astana, un ATP 500 portato a casa senza grossi problemi archiviando l’affare Tsitsipas in 75 minuti nella finale.

Djokovic vince il 90° torneo in carriera, si vola verso quota 100 e la strada è spianata

Djokovic ATP 500 Astana
Novak Djokovic (Foto da ANSA)

Quando scende in campo Novan Djokovic sembra ancora evidente che il gap tecnico tra lui e gli sfidanti della prossima generazione è ancora alto, il serbo conquista l’ATP 500 di Astana senza grossi problemi e porta a casa il suo torneo numero 90, arrivano però anche le dichiarazioni sul futuro e per gli avversari l’impressione è che ci sarà da preoccuparsi.

Potrebbe interessarti anche >>> Tennis, Novak Djokovic spaventa i tifosi: cosa è successo

Queste le dichiarazioni del tennista dopo la vittoria: “Il traguardo delle 90 finali vinte è importante ma ho intenzione di raggiungere la vetta in questo sport, 35 anni non sono 25 ma credo che l’esperienza in queste partite sia un fattore fondamentale, nonostante l’annata complicata da Madrid ho perso solo contro Nadal, voglio finire la stagione al massimo”.

Potrebbe interessarti anche >>> Tennis, arriva la decisione inattesa di Jannik Sinner: Italiani senza parole

Parole che entusiasmano i tifosi che vedono in lui l’ultimo vero baluardo almeno per i prossimi 4-5 anni, l’esperienza e la tecnica di Novan Djokovic fanno ancora la differenza, su questo non c’è dubbio, l’unico a tenergli testa in stagione è stata l’altra vecchia leva Rafael Nadal che a 36 anni però è fisicamente un po’ meno brillante del serbo. L’impressione è che ci sarà da divertirsi ancora per un po’ con gli idoli degli ultimi 20 anni, le nuove leve sono avvisate.