Scandalo nel calcio femminile, scoperti sistematici abusi sessuali ai danni delle giocatrici

Mentre il calcio femminile prende piede emergono retroscena raccapriccianti su un sistema di abusi sessuali sistematici

Abusi calcio femminile
Alisha Lehmann (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Nella nuova era del calcio c’è sempre più spazio anche per il gentil sesso, negli ultimi anni i successi delle giocatrici coinvolgono un numero sempre maggiore di spettatori con annessi introiti che cominciano ad essere rilevanti, proprio per questo sono tantissimi i club che puntano anche alle quote rosa ma quello che è emerso da una recente indagine ha messo in luce un sistema insano e sistematico utilizzato da una rete di club. Abusi su giocatrici ed allenatrici sono all’ordine del giorno ed il silenzio è stato l’unico modo per non rovinarsi la carriera, fatti che sconcertano i tifosi.

Scandalo nella North American League, più squadre della lega sotto inchiesta per abusi sulle loro giocatrici

Abusi calcio femminile
Jordyn Huitema giocatrice NWSL (Foto Instagram)

A trattare il caso è lo studio legale King&Spalding guidato dall’ex procuratore generale Sally Yates, quello che è emerso dalle prime indagini però lascia tutti senza parole, gli abusi protratti sulle giocatrici non sarebbero infatti un evento isolato ma il modus operandi di tutta una lega.

Potrebbe interessarti anche >>> Calciomercato Inter, si valuta un giovane terzino del Barcellona

Impossibile non puntare i fari su un fatto di tale gravità, soprattutto perché nello scandalo sono coinvolti anche molti settori giovanili con atlete quindi ancora minorenni esposte ad abusi incontrollati, non solo casi di avances, commenti e contatti indesiderati, dalle prime indagini sono emersi anche casi di violenza sessuale.

Potrebbe interessarti anche >>> Calciomercato, possibile svolta sul futuro di Cristiano Ronaldo

La lega per ora si difende promettendo che grosse rivoluzioni verranno intraprese per arginare il fenomeno, sono arrivati inoltre i primi licenziamenti di massa ma tutto fa pensare che la questione non possa del tutto risolversi senza interventi radicali alla base del sistema.