Cristiano Ronaldo, altro capitolo della telenovela sul suo futuro

I rapporti tra Cristiano Ronaldo e il Manchester United sono sempre meno idilliaci come confermato dal mancato utilizzo nel derby contro il City

Calciomercato Cristiano Ronaldo United resta
Cristiano Ronaldo (Ansa)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Continua la lunga telenovela sul futuro di Cristiano Ronaldo al Manchester United. Il fuoriclasse portoghese appare sempre più fuori dal progetto di Ten Hag che lo ha impiegato l’ultima volta da titolare in Premier League nella pesante sconfitta contro il Brentford di agosto. Addirittura nel big match contro il Manchester City, perso malamente dai Diavoli Rossi per 6-3, CR7 non è entrato in campo neppure per un minuto, suscitando le critiche della stampa e di alcuni ex giocatori dello United come Roy Keane.

Il Daily Mirror: Cristiano Ronaldo non lascerà lo United a gennaio

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cristiano Ronaldo (@cristiano)

Proprio per questo motivo sono rimbalzate nuovamente voci su un suo possibile addio già a gennaio. Già nella sessione estiva l’ex attaccante della Juventus, sempre secondo le notizie della stampa, era stato proposto a diversi club, anche in Italia come ad esempio il Napoli, senza che poi la trattativa (difficilissima visti gli aspetti economici che la circondano) andasse in porto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato, possibile svolta sul futuro di Cristiano Ronaldo

Un’offerta a CR7 è arrivata da un club arabo, ma la sua intenzione è quella di giocare ancora ai massimi livelli per qualche anno. Per questo l’invito ipermilionario è stato rispedito al mittente. Stando però alle notizie del Daily Mirror non c’è intenzione da parte dei Red Devils di privarsi del loro numero 7 neanche nel mercato di gennaio, tenendo quindi Cristiano fino a giugno quando poi scadrà il suo contratto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dazn e quel codice che appare durante le partite: ecco cos’è

Quello che c’è da risolvere, però ora, è il suo ruolo. Seppur con 37 anni un giocatore della sua caratura è difficile da tenere in panchina o fargli ricoprire una posizione da comprimario. Ancora oggi, infatti, ogni volta che non viene schierato dall’inizio le polemiche si moltiplicano. Specie se i risultati sono intermittenti.

Impostazioni privacy