Sky, crollo degli abbonamenti: pronti 350 licenziamenti

Sky deve fare i conti con il crollo degli abbonamenti: un calo dovuto alla crisi del Covid, che porterebbe ben 350 lavoratori a rischio licenziamento

Sky, crollo degli abbonamenti: pronti 350 licenziamenti
Sky, crollo degli abbonamenti: pronti 350 licenziamenti (Getty)

L’emittente satellitare Sky sta pagando caro il costo dell’emergenza Covid. L’assenza di eventi sportivi durante la lunga quarantena ha portato a un severo crollo degli abbonati, che secondo Milano e Finanza sono passati dai 5 ai 4.6 milioni attuali. Una vera e propria batosta, anche se si registrano 600mila nuovi abbonati al servizio del digitale terrestre, che è più economico rispetto al satellitare. Si tratta, quindi, di numeri che possono mettere l’azienda in crisi, tanto da rivedere i piani di produzione calcolati con un bacino d’utenza molto ridotto rispetto al passato.

Leggi anche – Calcio | Tutto il palinsesto di Sky per la stagione 2020/21

Sky, a rischio 350 posti di lavoro

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Who will conquer tonight’s chilly #ALOTO challenge? 🤣 🏊‍♂️ A League of Their Own 🗓️ 17 Sept, 9pm 📺 Sky One

Un post condiviso da Sky TV (@skytv) in data:

Il piano di ristrutturazione e riorganizzazione interna dovrebbe prevedere gli inevitabili tagli, che porterebbero – da gennaio – a un taglio di almeno 35o dipendenti. Sarebbero coinvolti impiegati, dirigenti, personale amministrativo e giornalisti. Attualmente l’organico complessivo di Sky conta ben 4mila persone. Intanto, l’emittente di Murdoch guarda con apprensione ai nuovi diritti tv della Serie A e a cosa sta facendo Tim e Cdp. Se la Lega dovesse rendersi davvero autonoma, per il colosso televisivo i guai sarebbero perfino maggiori del crollo degli abbonati.

Ti potrebbe interessare anche – Serie A | Anticipi e posticipi delle prime 4 giornate