Formula 1 | Binotto e Vettel preoccupati in ottica Mugello

C’è preoccupazione in casa Ferrari dopo le brutte prove a Spa e a Monza. Sia per Binotto che per Vettel al Mugello non ci saranno progressi

Formula 1 | Binotto e Vettel preoccupati in ottica Mugello
Mattia Binotto (Getty Images)

La stagione disastrosa della Ferrari sembra non avere fine. Dopo la brutta prova di Spa è arrivato il bis a Monza: sia in qualifica che in gara errori grossolani e macchina poco veloce ed affidabile. Domenica c’è il Mugello: il circuito caro alla rossa ospiterà un gran premio di Formula Uno per la prima volta ed insieme ai tifosi si celebrerà la gara numero 1000 della scuderia di Maranello.

Ma quanto riuscirà la pista toscana a cambiare gli equilibri? “Onestamente e sfortunatamente penso poco – ha dichiarato Mattia Binotto – perché se una vettura va forte, lo fa su qualsiasi circuito. Certamente questa pista ha caratteristiche diverse da quelle sulle quali abbiamo appena corso e per questo speriamo di fare meglio di quello che abbiamo fatto in precedenza”.

Niente feste annunciate per i sostenitori della rossa quindi: sarà un’altra gara di sofferenza. Ma il team principal Ferrari ha fatto appello alla pazienza dei tifosi: “Sentiamo sempre il loro supporto. Spero che anche loro capiscano la situazione in cui ci troviamo”.

Mugello, anche Vettel è sfiduciato: “Questa stagione è un calvario”

Formula 1 | Binotto e Vettel preoccupati in ottica Mugello
La Ferrari di Vettel ritirata (Getty Images)

Anche Sebastian Vettel appare ormai rassegnato a concludere la sua ultima stagione con la scuderia di Maranello nelle retrovie. Al momento il tedesco è tredicesimo in classifica piloti, avendo raccolto soltanto 16 punti finora. Il miglior risultato è stato un sesto posto in Ungheria, mentre per ben 4 gran premi su 8 è uscito dalla zona punti.

“É un Calvario, e non mi risulta che ci fossero scorciatoie. Non possiamo concludere questa sofferenza prima del dovuto. Dobbiamo affrontarla tutta: fino alla fine”, ha dichiarato Vettel a Motorsport, conscio che questa potrebbe essere la sua peggiore stagione in Formula Uno dal 2007 in poi.

Per quanto riguarda il futuro il tedesco non si sbilancia e parla anche di un suo addio anticipato: “Andarmene? É  chiaro che in questo momento preferirei essere da qualche altra parte ma ci sono aspetti che non puoi scegliere e che devi accettare per quello che sono. Io posso solo lavorare il più possibile per migliorare, almeno un pochino, questa situazione”

I.M.

Impostazioni privacy