Cosa fai per combattere la fame nervosa? Ecco la nostra piccola guida

Ogni tanto dovete fare i conti con la fame nervosa? Date un’occhiata a questi piccoli consigli per evitare di gettare tutto alle ortiche.

Le diete, si sa, si cominciano sempre con le migliori intenzioni. Con il corso del tempo, però, può capitare di andare incontro a delle vere e proprie crisi di fame che possono mettere a dura prova anche le persone più “abituate”. Molto spesso si tratta di una vera e propria fame nervosa che può essere molto difficile da contrastare. Come fare allora per ovviare al problema e portare a casa il risultato?

Per fortuna, si possono mettere in atto alcuni metodi per riuscire nell’impresa. Innanzitutto è fondamentale capire di che tipo di fame si tratta: se di quella nervosa o il languorino. Risulta fondamentale capire se si tratta di fame vera oppure di un semplice “capriccio” dello stomaco. Non perdiamo altro tempo e andiamo a scoprire più nel dettaglio come riconoscere la fame nervosa e come comportarsi (la fame non è tutta uguale ).

Come comportarsi quando bisogna fare i conti con la fame

piatto
Piatti(Sportnews.eu)

Quando si tratta di fame vera, bisogna tenere conto di quanto tempo è che non si mangia. In quale caso infatti è normale che il nostro stomaco cominci a reclamare nutrienti. Inoltre bisogna anche tenere conto di quello che si è mangiato.

La fame compare soprattutto quando si tende a consumare solo carboidrati senza proteine. Una volta capito che si tratta di fame nervosa, che cosa bisogna fare? La cosa più giusta da fare è mangiare.

Nel caso in cui siano passate più di tre o quattro ore, meglio consumare un pasto completo oppure uno spuntino con tanto di grassi proteine e carboidrati. Può capitare, invece, che la fame torni a bussare dopo aver mangiato da poco. In questo caso, la fame si presenta più per noia, tristezza o rabbia.

Come combattere la voglia di mangiare

In questi casi la cosa migliore da fare è trovare qualche distrazione. Potete dedicarvi al disegno, fare un cruciverba dipingere le vostre unghie, fare un giro in bici, fare una passeggiata al parco. Se invece preferite in maniera a casa potete fare un bel bagno caldo.

Dedicandosi ad altre attività il corpo produce dopamina e poi serotonina. Si tratta di neurotrasmettitori che consentono di nonno compensare nel cibo. Un consiglio utile può essere quello di fare una lista delle cose che più amate fare quotidianamente.

In questo modo ci si potrà dedicare a cose belle che non bisogna mangiare. Facendo così si potrà pian piano ristabilire un buon rapporto con il cibo e godersi i piaceri del palato senza alcun tipo di problema.

Impostazioni privacy