Premier, il Manchester City rischia la retrocessione: svelato il motivo

Premier League, il Manchester City rischia la retrocessione: a che cosa sta andando incontro il club di Guardiola, svelato il motivo.

Pep Guardiola il Manchester City rischia la retrocessione
Pep Guardiola, spettro retrocessione City (sportnews)

Dopo aver vinto la Champions League, il Manchester City ha acquisito consapevolezza nei propri mezzi, forte di un lavoro duraturo e continuativo negli anni. Guardiola è riuscito nel suo intento e ha raggiunto l’apice del successo, l’obiettivo principale da parte della proprietà che l’ha voluto anche per questo.

Il lavoro del tecnico spagnolo è sotto gli occhi di tutti: Guardiola, negli anni, è riuscito ad influenzare più generazioni con le sue idee e le sue proposte calcistiche, che hanno fatto in modo di rivoluzionare ancora di più il calcio moderno.

Il Manchester City rischia la retrocessione, cos’è successo

il Manchester City rischia la retrocessione
Manchester City gol, tifosi in allarme (sportnews)

Tuttavia, ora le cose potrebbero cambiare per ciò che sta succedendo in Inghilterra: secondo il ‘Times’, dopo la penalizzazione ai danni dell’Everton, Chelsea e City rischierebbero addirittura la retrocessione.

Tutto è da ricercare nelle violazioni del fair play finanziario e il Manchester City è accusato di oltre 100 violazioni. Lo riporta anche ‘Goal.com’, specificando come l’indagine aperta nel marzo 2019 abbia fatto emergere molti punti oscuri sulla gestione dello sceicco.

Premier, il Manchester City potrebbe andare in Championship

Ora la Premier League sta agendo nel rispetto delle regole, ponendo l’accento su una questione spinosa che il City ha affrontato diverse volte nel corso degli anni: nel 2020 ha rischiato di non partecipare alla Champions, questione poi ‘risolta’ con una multa economica quantificata in 10 milioni di euro.

Ora le cose potrebbero cambiare se le irregolarità dovessero essere riscontrate in maniera netta e definitiva: 30 punti di penalizzazione o la retrocessione sono le ipotesi più accreditate, scelte che potrebbero influenzare il futuro del club e dei relativi tesserati. In ogni caso, come riporta ‘Sky Sports’, questa possibile sentenza potrebbe arrivare molto in là rispetto alle previsioni, poiché la trafila degli accertamenti sembra particolarmente lunga e complessa. Per il Chelsea la situazione è leggermente differente, visto che i capi d’imputazione riguardano la gestione Abramovich, che ha venduto nel 2019 all’attuale proprietà che a sua volta ha auto-riferito i pagamenti incriminati.

Impostazioni privacy