Formula 1, sale la tensione in casa Red Bull: volano parole forti, tifosi devastati dalla notizia

Helmut Marko ci casca ancora, scivolone in diretta che potrebbe portare a conseguenze drastiche

Helmut Marko
Helmut Marko (foto instagram)

In casa Red Bull c’è solo da festeggiare visto l’andamento delle macchine. Verstappen è di un altro pianeta mentre anche la seconda guida, nonostante alti e bassi, tiene saldo il secondo posto della classifica. Una situazione ideale in cui il team non dovrebbe aver problema alcuno ma, stando a quel che si legge, la situazione non potrebbe essere più diversa di così e, a minare la serenità dei piloti, anzi, di uno in particolare, è ancora una volta Helmut Marko, il consigliere ufficiale del team austriaco. Ancora una volta sono volate parole forti nei riguardi della seconda guida, parole difficili da digerire

Helmut Marko attacca Perez: “È messicano ha questo limite…”

Formula 1, sale la tensione in casa Red Bull
Helmut Marko (Foto IG) – sportnews.eu

Non è bastata nemmeno la doppietta di Monza, arrivata nonostante due Ferrari fresche di Power Unit appena montate e decise ad arrivare in fondo. Non si può di certo denigrare la corsa di Verstappen e molto meno quella di Perez, che ha saputo contrastare l’impressionante esplosione rossa così come il suo compagno di squadra. Gli elogi, tuttavia, sono arrivati ancora solo per l’austriaco, soprattutto da parte di Marko.

Che il pilota messicano non si senta “amato” in scuderia è già chiaro, è stato proprio lui, infatti, a parlare di un possibile addio a fine stagione qualora non sentisse che la Red Bull avesse davvero bisogno di lui. In questa circostanza suonano quindi ancor più dure le parole del Manager, rilasciate forse troppo alla leggera per un’emittente olandese: “Perez è sudamericano, non riesce a concentrarsi come faceva Vettel o come fa adesso Verstappen!“.

Queste le parole alquanto denigratorie che potrebbero di certo far vacillare ancora l’animo in tempesta di Sergio Perez. Parole che sembrano ingiustificate perché, a detta dello stesso Marko, anche per Vettel è stata una gara difficile, non è chiaro, quindi, perché per Perez sarebbe dovuto essere diverso. Lavorare in questo contesto non è sicuramente facile, l’addio a fine stagione del messicano si fa quindi sempre più probabile, ma stando ai fatti attuali, in fondo, il secondo posto del mondiale sembra suo e non è un risultato poi così scontato, visto che il ragazzo guida una macchina creata specificatamente per i bisogni del compagno di squadra.

Impostazioni privacy