Follia in Turchia: giocatore della Fiorentina aggredito in campo

La squadra di Italiano vince anche il match di ritorno contro il Sivasspor e si qualifica per i quarti di finale della Conference League

Fiorentina Conference League
Vincenzo Italiano (Alessandro Di Marco – Ansa)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Non fallisce l’appuntamento europeo la Fiorentina che batte anche al ritorno i turchi del Sivasspor e strappa il pass per i quarti di finale di Conference League. Dopo la vittoria per 1-0 al Franchi una settimana fa, i viola regolano con facilità gli avversari anche al ritorno per 4-1 nonostante fossero andati in svantaggio nel primo tempo. Una prova di maturità per la squadra di Italiano che sta attraversando un ottimo periodo di forma.

Tifoso entra in campo e colpisce Bianco con un pugno: la FOTO

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Radio Sportiva (@radiosportiva)

Il match di fatto è sempre stato gestito dalla Fiorentina che già all’andata avrebbe meritato di vincere con un punteggio decisamente più largo. Dopo la sconfitta allo Stadium contro la Juventus più di un mese fa, i viola non hanno più perso una partita tra campionato e coppa inanellando anche una striscia in corso di sei vittorie consecutive. Tutti dati positivi, ma purtroppo è accaduto un fatto che ha smorzato gli entusiasmi della squadra toscana: appena dopo il gol del 4-1 di Castrovilli, mentre i giocatori esultavano, un tifoso turco è entrato in campo e ha colpito con un pugno Alessandro Bianco, centrocampista classe 2002, provocandogli una frattura del setto nasale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Chiesa spiega l’esultanza: motivazione incredibile

Pochi minuti dopo, sul proprio profilo social il centrocampista della Fiorentina ha pubblicato una foto col nasa sanguinante e la bocca macchiata di sangue scrivendo: “Non male” con assieme anche il simbolo di un guanto da pugilato. L’aggressore è subito stato fermato e successivamente arrestato dalla polizia turca.

Dopo l’aggressione subita dal giovane calciatore viola, il direttore generale della Fiorentina Joe Barone ha chiamato il presidente dell’Uefa Aleksander Ceferin per protestare e chiedere chiarezza.

Impostazioni privacy