Lewis Hamilton, terremoto in Formula 1: arriva il divieto, la sua reazione

Lewis Hamilton, terremoto in Formula 1: ecco che cosa è successo e la reazione del pilota, decisamente inaspettata. 

Lewis Hamilton divieto reazione
Lewis Hamilton (screen Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

La Mercedes continua ad avere problemi con la macchina ma anche con Hamilton. Il pilota, infatti, è scontento e il suo rinnovo è ancora in bilico, tra l’altro ‘frenato’ anche dalla clamorosa voce di un possibile approdo alla Ferrari nell’ambito di uno scambio con Leclerc. Rumors provenienti dall’Inghilterra che però sono ancora completamente da verificare.

Il sette volte campione del mondo è arrivato quinto in Bahrein, mentre il suo compagno Russell ha concluso al settimo posto; posizioni decisamente ben al di sotto delle aspettative, nonostante la macchina sia ancora ben lontana dalle prestazioni extra lusso fornite dalla Red Bull. Oltre a ciò, nelle ultime ore ha fatto particolarmente discutere anche un altro aspetto, un divieto al quale Hamilton non vuole cedere.

Lewis Hamilton, terremoto in Formula 1

Lewis Hamilton divieto reazione
Lewis Hamilton (screen Instagram)

La FIA, infatti, ha vietato di parlare di politica e di fare commenti sul sociale o nell’ambito religioso. Questa regola obbliga i piloti a chiedere un’autorizzazione preventiva, dunque chiedere il permesso prima di rilasciare certe dichiarazioni. “Quando leggo queste notizie sono sempre più convinto che sia una decisione sbagliata. Spero che la situazione cambi, ci sono ancora persone che non comprendono o sono convinti dell’importanza di un ambiente inclusivo” le sue parole riportate tennispress.it

Potrebbe interessarti anche>>>> F1, colpo di scena Mercedes: stravolgimento in corso, cosa succede

Dunque, Hamilton si è apertamente schierato su quelle che sono le sue idee in merito a questa normativa decisa e voluta dalla FIA. Come andrà a finire? Siamo certi che si continuerà a parlare ancora di questo in futuro…

Impostazioni privacy