Ferrari, addio doloroso: decisione spiazzante, terremoto in Formula 1

Formula 1, terremoto inatteso in casa Ferrari: arriva l’addio doloroso, la decisione lascia tutti i tifosi e gli appassionati senza parole.

Ferrari addio doloroso
Vasseur (Foto da Instagram)

La Ferrari è stata sicuramente la grande delusione del primo Gran Premio stagionale: in Bahrain la Rossa ha avuto un passo gara decisamente più lento di quello della Red Bull. Leclerc, mentre era in terza posizione,  si è ritirato a causa di un guasto alla centralina.

Sainz ha tagliato io traguardo in quarta posizione ma ha avuto un ritmo piuttosto lento. Con l’arrivo di Vasseur, tutti aspettavano grandi cambiamenti e in parte cosi è stato. Diversi uomoni sono stati allontanati o hanno cambiato ruolo (come Rueda, l’ex uomo delle strategie). Dopo il primo deludente GP della stagione, è arrivato un addio clamoroso: la notizia è stata un fulmine a ciel sereno.

Ferrari, addio doloroso: arriva l’ufficialità, decisione spiazzante

GP Bahrain orari programmazione
Ferrari in pista (Fotografia da Instagram)

Dopo più di dieci anni, altro addio pesante in casa Ferrari. David Sanchez, come annunciato da Sky, ha deciso di dimettersi da Head of Vehicle Concept. Il francese arrivò nella Scuderia italiana nel lontano 2012: è stato l’uomo a progettare la tanto amata Ferrari F1-75 (quella del 2022) e la SF-23 (quella di quest’anno). La decisione è spiazzante: in un campionato in cui gli sviluppi conteranno tantissimo, c’è grande curiosità per conoscere il nome del sostituto.

Secondo le indiscrezioni, con molta probabilità la Ferrari sceglierà un uomo già interno alla Scuderia. David Sanchez, dal canto suo, dovrà osservare un periodo di gardening: in Formula 1 è consuetudine restare diversi mesi senza lavoro dopo aver lasciato un team. L’esempio Mattia Binotto è quello più lampante: il nativo di Losanna ha declinato l’offerta da parte della F1. David era proprio un uomo di Binotto: la volontà di Vasseur di cambiare proprio tutto appare sempre più chiara..

Impostazioni privacy