È il più ricco del 2022, cifre da non credere per il tennista

Guadagni stellari anche nell’ultima stagione di tennis ma c’è chi ha davvero esagerato, cifre davvero incredibili

tennisti piu ricchi 2022
Carlos Alcaraz (Facebook)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Il mondo del tennis e stato da sempre uno dei più proficui in termini di remunerazioni ed in questo 2022 che sta per concludersi la ripresa sembra essere stata totale. Tra le stelle del grande slam però c’è un nome a sorpresa che ha superato anche i vecchi senatori di questo sport, ecco chi è il nuovo peperone nel mondo del tennis.

Alcaraz supera tutti, 10 milioni di euro solo nel 2022, moltiplicato il patrimonio

Tennisti più ricchi 2022
Matteo Berrettini (Ansa)

Cifre incredibili portate a casa dallo spagnolo Carlos Alcaraz in questa stagione, soprattutto se pensiamo che il totale dei suoi introiti è di di 11 milioni di dollari di cui più di 10 arrivati solo in questo straordinario 2022.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Quanto guadagna Fabio Quartararo: introiti pazzeschi per El Diablo

Un anno che sicuramente il tennista ricorderà a lungo ma anche per i suoi colleghi le cose non sembrano essere andate poi così male. Subito dietro lo spagnolo figura il solito Novak Djokovic con 9,9 milioni di dollari portati a casa seguito dall’altro big indiscusso Rafael Nadal con 9.3 milioni di dollari conquistati in stagione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Tennis, Francia sconvolta dalla decisione di Gael Monfils, “Vuole ingannare la classifica”

Piuttosto male gli italiani, il più ricco della nostra scuderia è stato Jannik Sinner con 2.7 milioni di euro portati a casa che si piazza in 14esima posizione in questa classifica, solo 18esima posizione invece per Matteo berrettini che porta a casa 2.2 milioni di dollari in premi.

Pubblicista da sempre amante dello sport, soprattutto delle sfaccettature meno evidenti che spesso vengono difficilmente trasmesse al grande pubblico. Il mio obiettivo è quello di trasferire la mia passione per lo sport agli altri, soprattutto accendendo un faro sui retroscena apparentemente insignificanti ma che, come spesso accade, regolano questo mondo particolare.