Stravolta la Formula1, arriva il DRS invertito, ecco di cosa di tratta

Per il 2026 è in arrivo una novità che stravolgerebbe le gare di Formula1, tremano i favoriti, adesso tutto e possibile

Formula1 DRS Invertito
GP Formula1 (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Se guardiamo a qualche anno fa la Formula1 attuale sembra davvero essere stata stravolta sia nei regolamenti che nelle procedure di gara, per il futuro però il mercato sembra essere sempre in evoluzione e richiedere uno spettacolo ancora maggiore, difficilmente vedremo lunghi domini di una sola scuderia soprattutto perché, con la nuova aerodinamica attiva, si vola verso un futuro in cui le gare tenderanno ad essere combattute fino all’ultima curva, cose da non credere.

DRS invertito, arriva un freno per le vetture in volata, Formula1 che cambia faccia

Formula1 DRS Invertito
Red Bull Verstappen (Foto Instagram)

A far girare la notizia è stato non uno qualsiasi ma proprio Ross Brown, amministratore delegato di Formula1 che ha rivelato come per il futuro si stia studiando incessantemente per aumentare lo spettacolo. Dopo l’introduzione del DRS ecco quindi che arriva il DRS invertito, ma come funzionerà?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Formula 1, le ultime parole di Mattia Binotto: tifosi Ferrari devastati

Il meccanismo sarebbe lo stesso del DRS attuale ma appunto verrebbe invertito, all’avvicinarsi di un inseguitore in questo caso sarà anche la vettura davanti a perdere carico aerodinamico e quindi risultare “rallentata”. Questa pratica servirebbe per velocizzare il recupero dell’inseguitore ed aumentare notevolmente il numero di sorpassi rendendo davvero difficile al favorito in gara di prendere il largo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Formula 1, ritiro Lewis Hamilton: rivelazioni stupefacenti

Il nuovo sistema non sarà inserito prima del 2026, a patto che i studi, ancora aperti al riguardo, confermino la sua reale fattibilità. Una novità sconvolgente che renderebbe le gare sicuramente più avvincenti in una Formula1 che inevitabilmente sembra avvicinarsi sempre di più a scenari futuristici che qualche anno fa avremmo visto probabilmente solo in qualche film di fantascienza.