Tifoso qatariota sconvolto dai giapponesi: il motivo è stupefacente

A fine gara sono rimasti tutti senza parole per quello che è accaduto allo stadio, immagini che hanno fatto riflettere anche i qatarioti

Tifosi Giapponesi Qatar puliscono stadio
Tifosi Giapponesi Qatar (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

La giornata di ieri è stata piena di colpi di scena in Qatar, non solo la dipartita di Messi e compagni difronte un’agguerritissima Arabia Saudita a far restare tutti di sasso, ci ha pensato anche la compagine Giapponese ad impartire una pesante lezione di vita, più che di calcio, grazie ad un video riguardante la gara inaugurale del Mondiale che è cominciato a circolare ed è in poco tempo diventato virale. Stupore generale allo stadio e per fortuna c’è stato chi ha deciso di riprendere il tutto per testimoniare quello che stava accadendo.

Giapponesi allo stadio puliscono tutto prima di andar via, che lezione!

La cultura Giapponese è nettamente in contrasto con tutte le altre e proprio per questo spesso riesce ad affascinare, anche nelle piccole cose. E’ andata cosi anche nel finale di gara di Qatar-Ecuador quando in uno stadio ormai semi svuotato una compagine di tifosi Giapponesi si è distinta ancora una volta.

Potrebbe interessarti anche >>> Qatar-Ecuador, gesto folle in tribuna: che scandalo – VIDEO

Buste alla mano, prima di lasciare lo stabile è iniziata la raccolta dei rifiuti lasciati in giro, non solo dei loro ma anche quelli dell’intera fila, atteggiamento che non è, fortunatamente, passato inosservato, soprattutto ad un qatariota presente che non ha potuto evitare di filmare il tutto e ringraziare veementemente per l’esempio dato.

Potrebbe interessarti anche >>> Mondiali in Qatar, dove vedere le partite: la programmazione completa

Il fatto che la notizia abbia suscitato un tale stupore la dice lunga su cosa in verità siamo tutti abituati a vedere, per il futuro però la speranza è che la lezione, che ha fatto il giro del mondo, possa essere ricordata e magari non suscitare più altrettanto clamore ma diventare una buona abitudine culturale anche in occidente.