Ferrari, confessione amara di Binotto: scoppia il caos in F1

Evidenze troppo marcate per essere nascoste, Mercedes colma il gap infinito di inizio stagione e Binotto non ci sta, “La FIA deve fare il suo lavoro!”

Budget Cap Mercedes
Mattia Binotto (Foto Instagram)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Sale la preoccupazione per la Ferrari in vista del 2023, un motivo su tutti non sembra far dormire la scuderia di Maranello ma dopo l’ultimo GP di Brasile anche i tifosi Ferrari sono ormai in allarme. Le frecce argento della Mercedes sono tornate, incredibile se pensiamo che ad inizio stagione le due macchine prendevano quasi un secondo a giro sulle rosse di Ferrari, eppure è cosi, un salto di qualità senza precedenti che non può che essere frutto di ingenti esborsi economici perdurati per tutta la stagione, ma come è possibile senza sforare il Budget Cap? La domanda è stata posta a Mattia Binotto e le risposte fanno davvero riflettere.

Binotto senza parole: “Spero che la FIA aumenti i controlli, non si può vincere i campionati prima di essere penalizzati!”

Budget Cap Mercedes
Lewis Hamilton e Toto Wolff (Foto Instagram)

Non è chiaro come sia stato possibile uno sviluppo tanto prepotente della Mercedes, soprattutto se pensiamo che la Ferrari, per esempio, ha terminato di sviluppare la macchina a Singapore quando ormai aveva raggiunto il limite di spesa fissato dal Budget Cap. In Mercedes tuttavia la cavalcata è continuata e adesso il gap è quasi colmato, notizia funesta in vista del 2023.

Potrebbe interessarti anche >>> Formula 1, Binotto out: profilo clamoroso per sostituirlo

Nemmeno Mattia Binotto è riuscito a spiegare una situazione cosi, ha espresso tuttavia la fiducia riguardo il fatto che vengano aumentati gli ispettori della FIA atti a controllare che i costi per lo sviluppo vengano rispettati, soprattutto per non arrivare, come in questa stagione, a scoprire solo a campionato ormai compromesso che qualche team abbia fatto il “Furbetto“.

Potrebbe interessarti anche >>> Formula 1, via Schumacher: scelto il sostituto

Ce lo auguriamo tutti, altrimenti ci sarebbe ben poco da fare per gli onesti del gruppo, per la prossima stagione però è chiaro come la Ferrari abbia perso i vantaggi anche sulla Mercedes, l’impressione è che adesso anche il secondo posto sia a rischio con una Red Bull che invece continuerà probabilmente a dominare incontrastata.

Impostazioni privacy