F1, caos regolamento: la Fia stravolge tutto

La stagione 2022, dominata dalla Red Bull e in particolare da Max Verstappen, sta volgendo al termine e già si pensa alle regole del prossimo anno

Formula 1 caos termocoperte
formula Uno (Foto ANSA)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

La stagione 2022, dominata dalla Red Bull e in particolare da Max Verstappen, sta volgendo al termine. Mancano solamente due Gp, quello del Brasile e quello di Abu Dhabi, e poi il campionato andrà definitivamente in archivio. Si è trattata di una stagione meno appassionante rispetto a quella storica dell’anno scorso con il duello testa a testa tra Verstappen e Hamilton, conclusosi a favore del pilota olandese solo all’ultimo giro dell’ultima gara. Al tempo stesso la e già si pensa alle regole del prossimo anno.

Il regolamento cambia di nuovo: la Fia stravolge tutto

Formula 1 termocoperte
Partenza Formula 1 (Foto ANSA)

In vista del prossimo Mondiale la Federazione è pronta ad alcune modifiche per rendere sempre più spettacolare il mondo della Formula 1. Una delle ultime tematiche affrontate è stata quella della temperatura delle termocoperte, abbassata nel Gp di Austin a 50°. L’obiettivo era quello di abbassare gradualmente la temperatura delle termocoperte che avvolgono gli pneumatici. Ma ci sono importanti novità.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Formula 1, GP Brasile a rischio: la decisione della Fia

In quell’occasione ci furono diverse polemiche da parte dei piloti che avevano lamentato una sostanziosa perdita del grip. Per questo la tolleranza dovrebbe stabilizzarsi alla temperatura di 70° per tutto il 2023 senza che si abbassi ulteriormente. Già a Città del Messico le termocoperte erano tornate a 70 gradi, ma è stato abbassato il limite di riscaldamento a due ore per ridurre i consumi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Formula 1, ultim’ora Binotto: l’annuncio sconvolge i tifosi della Ferrari

“Ad Austin abbiamo avuto qualche problema con il riscaldamento. O, perlomeno, se si prova lo pneumatico a 50°C, si sente la differenza con quello riscaldato a 70°”, ha affermato Mario Isola, Head of F1 & Car Racing di Pirelli. Per questo l’obiettivo di eliminarle dal 2024 sembra distante: “Sappiamo che dobbiamo fare un passo importante per eliminarle. Si tratta di riprogettare la costruzione e le cinque mescole. Abbiamo un piano di test, con FIA e FOM discutiamo per vedere se è fattibile, ad ora la strada giusta è quella di 70° e due ore“.

Impostazioni privacy