Clamorosa indiscrezione: Inter in vendita, ecco chi la rileverà

La squadra di Inzaghi dopo l’ottimo pareggio di Barcellona in Champions ha battuto anche la Salernitana, ora la attende la trasferta di Firenze

Dirigenza Inter vendita società Marc Lasry
Dirigenza Inter (Ansa)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Il periodo difficile sembra ormai alle spalle. Il doppio confronto con il Barcellona in Champions e le vittorie in campionato contro Sassuolo e Salernitana hanno fatto tornare il sereno in casa Inter, dopo l’avvio stentato di stagione. I quattro ko iniziali contro Lazio, Mila, Udinese e Roma avevano messo in discussione Inzaghi e la squadra, che però hanno risposto ottimamente quando si sono trovati sotto pressione. Ora il prossimo fine settimana i nerazzurri faranno visita a una Fiorentina in grande crisi di risultati e cercano la terza vittoria consecutiva.

L’Inter è in vendita: ecco i nomi dei possibili compratori

Steven Zhang vendita Inter Marc Lasry
Steven Zhang (Ansa)

Il match contro la Viola anticiperà il match point europeo contro il Viktoria Plzen: battendo i cechi, la squadra di Inzaghi otterrebbe il pass per gli ottavi di finale con una giornata d’anticipo. Insomma nell’arco di una settimana passa molto di questa prima parte della stagione nerazzurra. Intanto, però, ci sono grosse novità anche sul fronte societario: fonti ben informate parlano di una cessione vicina da parte della famiglia Zhang.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> La Juve guarda il mercato: un reparto verrà rinforzato a gennaio

La proprietà cinese si trova in difficoltà, questo è risaputo. Ma ora spuntano anche i nomi delle potenziali società disposte all’acquisto dei nerazzurri. Secondo Sport Mediaset sono quattro i gruppi interessati: due americani, di cui uno fa riferimento a Marc Lasry, proprietario dei Milwaukee Bugs, uno è un fondo degli Emirati Arabi e l’ultimo è Ernesto Bertarelli, l’uomo più ricco di Svizzera.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La Juve guarda il mercato: un reparto verrà rinforzato a gennaio

La società viene valutata dalla proprietà cinese circa un miliardo e duecento milioni. Tantissimi soldi che significano un esborso importante per chiunque, anche per questi “Paperoni”. Di certo quindi ci vorrà del tempo per una svolta decisiva, anche se al momento le due società americane sembrano in vantaggio.

Impostazioni privacy