Europa Conference League | Nasce la terza competizione Uefa. La formula

Dalla prossima stagione la Uefa tornerà ad organizzare tre competizioni europee per club: nasce la Europa Conference League. Cosa cambia per l’Italia – VIDEO

Europa Conference League | Nasce la terza competizione Uefa. La formula
Nasce l’Europa Conference League, la terza competizione europea organizzata dall’Uefa

La notizia è dell’ottobre 2019 ma nessuno sembra averle dato troppo peso. A partire dalla stagione 2021/22 avremo di nuovo tre competizioni europee: nasce l’Europa Conference League.

La competizione è stata pensata per accontentare le federazioni minori, che infatti avranno più squadre partecipanti.

La suddivisione delle squadre partecipanti è la seguente e cambierà in base al Ranking Uefa:

  • alle nazioni dal 1º al 5º posto spetterà una rappresentante;
  • alle nazioni dal 6º al 15º posto spetteranno due rappresentanti;
  • alle nazioni dal 16º al 50º posto spetteranno tre rappresentanti;
  • alle nazioni dal 51º al 55º posto spetteranno due rappresentanti;
  • alla federazione del Liechtenstein spetterà una partecipante e sarà la vincitrice della coppa nazionale, in assenza di un campionato locale.

La competizione durerà sicuramente almeno fino al 2024, le partite si giocheranno di giovedì in due fasce: 18.45 e 21.00, che saranno anche i nuovi orari della Champions il martedì e il mercoledì.

Ti potrebbe interessare anche – Euro 2020 | Milinkovic trascina la Serbia. Out la Bosnia

Europa Conference League | Nasce la terza competizione Uefa. La formula
Le tre coppe europee

Europa Conference League | La formula e cosa cambia per le italiane

Dalla stagione 2021/22 nascerà la terza competizione europea, l’Europa Conference League.

La formula prevede una fase preliminare molto simile a quella della Champions e dell’Europa League e coinvolgerà anche le squadre eliminate dalle due principali competizioni europee.

Poi ci sarà una fase a gironi, nella quale 32 squadre formeranno 8 gironi da 4; la stessa formula dall’anno prossimo sarà adottata anche in Europa League, che non avrà più 48 partecipanti alla fase finale.

A cavallo tra la fase a gironi e i turni ad eliminazione diretta ci sarà una fase intermedia, che vedrà le seconde dell’Europa Conference League affrontare le terze dell’Europa League.

Infine arriverà la fase ad eliminazione diretta, che partirà dagli ottavi di finale e terminerà con una finale da giocare in gara secca.

L’Italia, finché resterà tra le prime cinque nazioni nel ranking Uefa, avrà una sola partecipante, la sesta classificata in campionato, mentre la quinta e la vincitrice della Coppa Italia giocheranno in Europa League.