Tottenham, Fernando Llorente e quello strano scherzo del destino

llorente
Fernando Llorente esulta dopo il gol

Il Tottenham è in semifinale di Champions League per la prima volta, traguardo raggiunto soltanto nel 1962 quando si chiamava Coppa dei Campioni. ‘Man of the Match’ è Fernando Llorente. Sì, proprio lui.

Martedì sera la Juventus va fuori e fallisce l’obiettivo, nonostante l’arrivo di Cristiano Ronaldo. Che, è giusto sottolinearlo, il suo l’ha fatto eccome. Ma se poi il giorno dopo un tuo ex giocatore (lasciato andare via a zero) trascina la sua squadra in semifinale, allora è legittimo pensare ad uno strano scherzo del destino. Llorente ha vestito la maglia bianconera dal 2013 al 2015: ha giocato 92 partite fra tutte le competizioni e ha segnato 27 reti. Insomma, ha dato un buon apporto alla squadra, ma la sua esperienza in bianconero non è stata proprio indimenticabile.

>> Se vuoi rimanere aggiornato sulle news di sport > > CLICCA QUI

Lo spagnolo lasciò dopo due stagioni tramite una rescissione consensuale e passò al Siviglia a parametro zero, la stessa formula con cui la Juventus lo aveva preso dall‘Athletic Bilbao. Anche in Andalusia non lasciò il segno (solo 7 gol in un anno), poi l’approdo in Premier League allo Swansea. In Galles le cose vanno un po’ meglio, tanto che la stagione successiva decide di acquistarlo il Tottenham: affare da circa 13 milioni.

Mauricio Pochettino lo sceglie come vice Harry Kane. Quando viene chiamato in causa, il suo lo fa sempre. Ieri sera ha raggiunto l’apice con una rete da vero centravanti consumato. Un po’ di braccio, un po’ di pancia. Ma la palla finisce in gol ed è questa la cosa più importante. Perché così il Tottenham passa in semifinale dopo una partita incredibile, finita 4-3 in favore del Manchester City. Una vittoria che non basta visto il gol dell’andata.

Gli ‘Spurs’ sono il settimo club inglese ad aver raggiunto questo traguardo in Champions League: Arsenal, Chelsea, Leeds, Liverpool, Manchester City, Manchester United. Nessun’altra nazione può vantare questo incredibile risultato. Questo grazie a Llorente e a quello strano, stranissimo scherzo del destino.

LEGGI ANCHE – PSG, Tuchel tuona contro i suoi: “Indifendibili e inconcludenti”

Impostazioni privacy