Quanti passi fare al giorno per ridurre il rischio di morte: risponde la scienza | Il dato incredibile

Quanti passi fare al giorno per ridurre il rischio di morte: ecco le ultimissime da sapere, dati incredibili. 

Quanti passi fare al giorno, cosa sapere per ridurre il rischio di morte
Passeggiata sullo sterrato, l’importanza della camminata (sportnews)

La camminata è una delle condizioni principali per dimagrire. L’attività è spesso svolta per iniziare un percorso in grado di portare ad un costante dimagrimento, in maniera tale da bruciare calorie e dunque perdere peso. Da tempo sappiamo che lo sport è un alleato della lunga vita e di uno stile di vita salutare, ideale per coloro che non vogliono andare incontro a problematiche nel corso della loro vita.

Così facendo, il corpo si abituerà agli sforzi e giocoforza si adeguerà gradualmente allo stimolo, successivamente sarà in grado di compiere sforzi sempre maggiori e permetterà all’individuo di alzare l’asticella, dunque bruciare più calorie e conseguentemente accelerare il processo di dimagrimento.

Quanti passi fare al giorno per ridurre il rischio di morte, cosa sapere

Quanti passi fare al giorno, ridurre il rischio di morte si può con l'attività fisica
Passeggiata al parco, salute ok (sportnews)

La scienza ha sempre tenuto in considerazione il numero di passi da fare, al fine di dare delle linee guida a tutti coloro che intendono migliorare il proprio peso con questa attività: per cercare di stare in buona salute, si consiglia di compiere giornalmente tra gli 8000 e i 10000 passi, un numero che può tranquillamente stare tra i limiti e nel mezzo; in tutto questo, il corpo sarà allenato e pronto per compiere – alla lunga – sforzi sempre maggiori, consentendo di non essere troppo appesantito e di essere tonico e performante.

Quanti passi fare al giorno per ridurre il rischio di morte, il dato

Come riportato da ‘quotidianosanita.it’, che a sua volta cita un articolo del the Journal of the American College of Cardiology, il numero di 8mila passi (che equivale a circa 6,5 chilometri) ridurrebbe il rischio di morte prematura. I ricercatori che hanno condotto questo studio si sono resi conto che, percorrendo giornalmente questa distanza, soprattutto con la camminata veloce, i risultati sarebbero decisamente promettenti, tali da garantire un buon allenamento e una discreta forma fisica. In questo senso, si andrà incontro ad un netto miglioramento circa le malattie cardiovascolari, anch’esse decisamente ridotte in percentuale seguendo questo preciso standard.

Sassarese classe ’85, nato il 5 febbraio come illustri calciatori, madre natura ha pensato bene di relegarmi a semplice commentatore del calcio giocato. Iscritto all’albo dei giornalisti pubblicisti ODG della Sardegna dal 2017, sono fiero ed orgoglioso di essere nato e cresciuto in questa terra meravigliosa. Interista dalla nascita, vivo nel ricordo del mito di Ronaldo il Fenomeno e delle imprese titaniche del ‘Triplete’ degli idoli Mourinho, Sneijder e Milito. Innamorato del fantacalcio, dei viaggi e del giornalismo calcistico, Sportnews mi ha dato modo di rivalutare il declino della Serie A con occhi diversi. Allenatore di calcio (UEFA C) e di calcio a 5, svolgo i due lavori che amo con assoluta passione e con tanta voglia di emergere.