Atp Shanghai: Sinner beffato, ai quarti va Shelton

Al via oggi gli ottavi di finale del penultimo Master 1000 della stagione: in campo l’altoatesino, unico italiano rimasto in tabellone 

Jannik Sinner ottavi di finale Shanghai Shelton
Jannik Sinner (foto instagram) – SportNews.eu

Si entra nel vivo nel torneo di Shanghai. Il penultimo Master 1000 della stagione ha già riservato diverse sorprese nei primi turni con le eliminazioni di diverse teste di serie a partire da Rune, passando per Zverev e soprattutto Medvedev, per finire, solo in ordine di tempo con Tsitsipas. Non si tratta di una cosa inusuale: siamo al termine di una stagione lunga e logorante e i top player, che hanno speso energie fisiche e mentali per tutto l’anno, hanno ovviamente la spia della riserva accesa.

Sinner prima domina e poi si fa rimontare: addio a Shanghai

Jannik Sinner ottavi di finale Shanghai Shelton
Sinner (screen video instagram)

Nella giornata di oggi sono iniziati gli ottavi di finale. In scena quelli della parte bassa del tabellone che vede molte sorprese a questo punto del torneo. E i risultati inaspettati sono arrivati anche oggi: Ruud, numero 9 del ranking, è stato infatti sconfitto dall’ungherese Marozsan, giustiziere di Alcaraz a Roma e attualmente numero 91 al mondo, in tre set. Primo parziale al magiaro vinto al tiebreak, poi reazione del norvegese nel secondo set 6-3, e vittoria al set decisivo del classe 1999 che ha chiuso con il punteggio di 6-4. Rispetta i pronostici, invece, l’americano Sebastian Korda che ha regolato in due set l’argentino Francisco Cerundolo, amante più della terra rossa rispetto al cemento, con il punteggio di 7-5 7-6. Nel primo pomeriggio è sceso in campo anche Jannik Sinner, unico italiano rimasto in tabellone, che ha affrontato Ben Shelton, fresco semifinalista dello Us Open.

Sinner, addio a Shanghai: rimonta fatale di Shelton

E il match non è andato come sperato per l’azzurro. Dopo un primo set totalmente dominato dall’altoatesino che ha breakkato l’americano per due volte chiudendo con il punteggio di 6-2, Shelton ha alzato il livello, iniziando a servire con grande continuità: fa suo il secondo parziale per 6-3 e porta al tiebreak il set decisivo. Sotto nettamente 4-0 Jannik riesce a recuperare fino al 5-5, ma poi cede il servizio nel punto decisivo perdendo 7-5. Si interrompe quindi agli ottavi di finale il cammino dell’italiano: c’è molto rammarico perché il tabellone era agevole e la finale sarebbe stata a portata di mano.

Impostazioni privacy