Fantacalcio, 5 difensori da non schierare per la 6ª giornata di Serie A

Fantacalcio, 5 difensori da non schierare per la 6ª giornata di Serie A: ecco la lista dei nomi da evitare per questo turno. 

Primo turno infrasettimanale, primi guai grossi per tutti i fantallenatori d’Italia che rischiano di andare incontro a scelte infelici. Vediamo quali possono essere i nomi che, sulla carta, potrebbero risultare pericolanti tra malus e prestazioni negative.

Difensori da non schierare fantacalcio
Difensori da non schierare fantacalcio (Instagram)

Bani del Genoa avrà di fronte uno degli attacchi più forti della Serie A, ossia Dybala e Lukaku: tempi duri per lui che dovrà vedersela o con la tecnica dell’argentino o con la fisicità del belga, in ogni caso si tratta di due clienti troppo scomodi per cercare una sorpresa di metà settimana.

Rodriguez del Toro è un altro nome che potrebbe incappare in qualche pericoloso errore: contro la Lazio si predica attenzione, nonostante il momento poco felice dei biancocelesti che restano una delle squadre con un arsenale davvero invidiabile in tutta Europa.

5 difensori da non schierare per la 6ª giornata: i nomi

Hien del Verona è un altro nome sempre astato nelle aste, un nome da completamento che via via si ritaglia uno spazio importante in diverse formazioni grazie alla continuità di rendimento. Tuttavia, contro l’Atalanta è preferibile lasciarlo fuori per non rischiare di andare incontro a brutti voti, sempre dietro l’angolo quando si tratta di turni infrasettimanali difficilmente decifrabili.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jaka Bijol (@jakabijol)

Bijol dell’Udinese rischia contro il Napoli, seppur inceppato ultimamente ma sempre pericoloso nel creare occasioni. Marcare Osimhen potrebbe diventare complicato, meglio sfruttare qualche altro nome con una gara più semplice da affrontare.

Calafiori del Bologna dovrebbe essere proposto al centro della difesa in virtù dell’assenza di Lucumì. Il mancino ex Roma potrebbe pagare il nuovo ruolo contro un Monza sempre propositivo, che grazie alle proprie trame d’attacco cerca sempre di creare criticità all’organizzazione difensiva dell’avversario in questione.